Sottosegretari, nuovo equilibrio e correnti: chi ha vinto e chi ha perso con le nomine

Sottogoverno, nuovo equilibrio e correnti: chi ha vinto e chi ha perso con le nomine
Sottogoverno, nuovo equilibrio e correnti: chi ha vinto e chi ha perso con le nomine
di Francesco Malfetano
4 Minuti di Lettura
Giovedì 25 Febbraio 2021, 09:36 - Ultimo aggiornamento: 16:10

Trentanove tra sottosegretari e vice ministri, 19 donne e 20 uomini. Undici al Movimento 5 stelle, 9 alla Lega, 6 a Forza Italia e al Pd, 2 a Italia viva e 1 a Leu
La squadra di governo è finalmente completa (o quasi, il sottosegretario con delega allo sport arriverà poi), nominata infierì sera dal presidente del Consiglio Mario Draghi, al termine un cdm a dir poco acceso. Sospeso, rimandato e poi definitivo, l'incontro di ieri ha segnato (si poteva far meglio in verità) non solo quel riequilibrio di genere chiesto a gran voce nelle scorse settimane, quanto anche alcune vittorie politiche e strategiche.

Draghi, ok ai sottosegretari: la metà sono donne. Gabrielli ai Servizi. Il sì dopo le liti tra i partiti su quote, Interno ed Editoria

È il caso di Matteo Salvini che, deluso dalla squadra dei ministri ritenendoli troppo vicini a Giancarlo Giorgetti e a Luca Zaia, ieri si è rifatto piazzando diversi uomini di fiducia: Nicola Molteni andrà al Viminale, Claudio Durigon all’Economia, Gian Marco Centinaio alle Politiche agricole, Alessandro Morelli viceministro alle Infrastrutture e Lucia Borgonzoni ai Beni Culturali.

Governo Draghi, squadra al completo: chiusa partita sottosegretari

Uno degli scontri più duri, quasi una reminiscenza della vecchia acredine, ha però coinvolto Forza Italia e M5S. Motivo del contendere la delega all'editoria e all'informazione. Originariamente assegnata al forzista Giorgio Mulè (portavoce FI di Camera e Senato e già direttore di Studio Aperto e di Panorama), per i cinquestelle era troppo vicino al Biscione. Alla fine la casella è stata comunque occupata da Forza Italia, ma con Giuseppe Moles. Ai berlusconiani anche un'altra poltrona strategica per la loro storia: sottosegretario alla Giustizia diventa Francesco Paolo Sisto. Meno soddisfatto nel centrodestra l'Udc, che addirittura minaccia di uscire dal gruppo di Forza Italia per essersi beccato due  no a Binetti e Saccone.

 

Nel Pd a tenere banco è ancora la lotta tra le correnti interne. I dem di Orlando, dopo aver ottenuto l'ambita poltrona del Lavoro la scorsa settimana, ora perde pezzi (non confermati Misiani all'economia, Martella all'editoria). Al segretario Nicola Zingaretti invece riesce di prendersi proprio il Mef per una sua donna di fiducia: Alessandra Sartore, assessore al Bilancio della Regione Lazio. Ma nella squadra di governo entra anche la corrente vicina al governatore pugliese Michele Emiliano (Assuntela Messina, già segretario della sezione pugliese del Pd prende Innovazione e Transizione digitale) e quella vicina al ministro della Cultura Dario Franceschini (Marina Sereni confermata viceministro alla Farnesina).

M5S, Conte sarà il capo politico del movimento: la decisione dopo l'incontro con Beppe Grillo

Nonostante i numeri, c'è amarezza tra i cinquestelle. Scossi dalle divisioni interne, le nomine sonno diventate ulteriore motivo di divisione. Premiato Luigi Di Maio che riconferma al Mef con Laura Castelli, porta Carlo Sibilia all’Interno e tiene Alessandra Todde al MiSE. Escluso dopo il gran lavoro a favore della formazione del governo e qualche scontro di troppo con Vito Crimi, Stefano Buffagni, che però l’aveva già previsto: «Sono uomo e sono del Nord, sarò escluso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA