Seconde case in zona rossa e arancione: ecco i limiti agli spostamenti previsti dal Dpcm

Mercoledì 18 Novembre 2020 di Cristiana Mangani
Seconde case in zona rossa e arancione: ecco i limiti agli spostamenti previsti dal Dpcm

Il weekend è alle porte e, davanti alla lunga lista di divieti e restrizioni, c'è sempre chi pensa di poter trovare un po' di libertà raggiungendo le seconde case: al mare, in montagna o in campagna. Ogni regione ha i suoi colori e le sue regole. E mentre la zona gialla consente di raggiungere la propria casa fuori città, sempre che non si trovi in una zona rossa, le maggiori domande che vengono rivolte nelle Faq inviate a Palazzo Chigi, riguardano proprio il comportamento da tenere, quando la seconda abitazione si trovi in un territorio off limits causa restrizioni da Covid.

La risposta breve è: non sempre si può andare nella seconda casa in zona arancione e in zona rossa, perché sono previsti dal Dpcm severi limiti agli spostamenti. Nel territorio diventato arancione, c'è il divieto di uscire dalla regione, ma anche dal proprio comune di residenza. L’unica circolazione ammessa è quella all’interno del proprio comune dalle ore 5 alle 22, nel rispetto del coprifuoco nazionale.

 

Zone rosse e arancioni, governo non ha fretta di riaprire: «Così salviamo il Natale»

Zona rossa e arancione, le Regioni: «Ridurre a 5 i parametri per zona di rischio». No di Speranza: «Restano 21»

 

 

Zona rossa

 

Nella zona rossa invece il blocco degli spostamenti riguarda anche quelli compiuti all’interno del proprio comune, visto che i divieti di circolazione sono totali. Con qualche rara eccezione: qualora nella seconda casa ci fosse un problema reale, come una perdita di acqua, di gas, un danno per il quale bisogna intervenire urgentemente, allora lo spostamento sarà ammesso, ma previa autocertificazione. Gli spostamenti in generale stabiliti per le zone arancioni e rosse sono consentiti unicamente per motivi di lavoro, di studio, di salute o di assoluta urgenza. Si può poi uscire dal comune di residenza per svolgere attività o usufruire di servizi non disponibili nel proprio, tipo fare la spesa in un negozio vicino, ma in altra regione, dove è economicamente più conveniente.

Le Faq del governo hanno fatto un po’ di chiarezza su quali siano le situazioni di urgenza e necessità. E quindi se si vuole raggiungere la seconda casa in zona arancione, l'unica possibilità prevista è quella di muoversi tra le 5 e le 22, ma sempre nello stesso comune di residenza. Insomma, vale la regola che disciplina tutti i movimenti che vengono fatti fuori dalla propria abitazione. Se invece la seconda casa si trova in un altro comune in zona arancione o in un’altra regione, si può andare solo per «porre rimedio a situazioni sopravvenute e imprevedibili». Ad esempio, un guasto, un crollo, la rottura degli impianti idraulici o del gas, effrazioni di ladri. E, anche in questo caso, il periodo dello spostamento dovrà essere «strettamente funzionale a sopperire tali situazioni». Il tempo di arrivare, rimediare all’urgenza e tornare nel proprio comune. Le stesse emergenze valgono in orario di coprifuoco (dalle 5 alle 22) per la seconda casa che si trova nello stesso comune. Se c’è una simile urgenza si può quindi uscire anche di notte.

Stessa situazione è prevista per gli spostamenti verso la seconda casa in zona rossa: anche in questo caso si può andare nell’abitazione di proprietà, diversa da quella principale, solo in caso di emergenze improvvise, che mettono a rischio l’edificio, come rotture di tubi, crolli, effrazioni e via dicendo. Pure in zona rossa lo spostamento è permesso solo per il tempo necessario per risolvere il problema.

 

Zona rossa: regioni Puglia, Liguria e Basilicata verso la stretta

ROMA "Al momento non c'è una crescita dell'epidemia, ma forse una leggera diminuzione". Così ieri, Gianni Rezza, direttore generale della Prevenzione del Ministero della Salute, analizzando la situazione italiana nella consueta conferenza stampa di aggiornamento ha acceso una prima flebile luce in fondo al tunnel.


 

 

 

Ultimo aggiornamento: 25 Novembre, 09:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA