Salvini, udienza preliminare del caso Gregoretti rinviata al 20 novembre. Il aula anche Conte

Sabato 3 Ottobre 2020

Salvini chiama Conte in Tribunale per difendersi dalle accuse sulla vicenda della nave Gregoretti. Su richiesta degli avvocati del leader della Lega e delle parti civili, infatti, il gup di Catania Nunzio Sarpietro ha disposto 'una ulteriore attività istruttoria che prevede di sentire il premier, i ministri Lamorgese e Di Maio e gli ex ministri del governo giallo-verde Trenta e Toninelli. L'audizione di Conte è stata fissata per il 20 novembre a Catania. Quelle di Di Maio e Lamorgese per il 4 dicembre. Salvini commenta: 'Sono soddisfatto, non ho agito da solo. Ma Conte e i ministri sono innocenti come me'.

L'udienza preliminare. Su richiesta della difesa e delle parti civili il gup di Catania Nunzio Sarpietro ha disposto, nell'ambito del procedimento sulla Gregoretti, un' ulteriore attività istruttoria che prevede, tra l'altro, l'audizione del premier Conte e dei ministri Lamorgese, Di Maio e degli ex ministri Trenta e Toninelli. 

"Noi abbiamo chiesto solo di sentire il ministro Lamorgese. Non abbiamo chiesto di sentire gli altri". Lo ha detto il legale di Matteo Salvini, Giulia Bongiorno, dopo la decisione del gup di Catania che ha disposto, nell'ambito del procedimento sulla Gregoretti, un' ulteriore attività istruttoria che prevede, tra l'altro, l'audizione del premier Conte e dei ministri Lamorgese, Di Maio e degli ex ministri Trenta e Toninelli.

Leggi anche > Giulia Bongiorno, incidente in aula durante il caso Gregoretti: esce dal tribunale in sedia a rotelle

 

La Procura di Catania ha nuovamente richiesto, come aveva fatto nella prima fase del procedimento, l'archiviazione di Matteo Salvini dall'accusa di sequestro di persona per la gestione dello sbarco di 131 migranti dalla nave Gregoretti. In aula, per l'accusa, è presente il sostituto procuratore Andreas Bonomo. L'udienza davanti al gup Nunzio Sarpietro sta proseguendo con l'intervento dell'avvocato Giulia Bongiorno per la difesa.

Come riferiscono fonti della Lega, la difesa di Matteo Salvini ha chiesto il non luogo a procedere perché il fatto non sussiste sul caso Gregoretti e un'eventuale audizione dell'attuale ministro dell'Interno Luciana Lamorgese. La richiesta di audizione del ministro è stata avanzata per sollecitare un approfondimento probatorio da parte del giudice per accertare se le procedure di sbarco indicate nel capo di imputazione sono le stesse seguite tuttora dal governo Conte.

IL SOSTEGNO «Insieme, a Catania, al fianco di Matteo Salvini: è un dovere, ancor prima che un diritto, di qualsiasi ministro, fare ciò che gli chiede la maggioranza degli italiani e difendere le leggi e i confini di questa nazione». È il tweet che la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni ha postato nel giorno dell'udienza preliminare per Matteo Salvini sul caso Gregoretti, aggiungendo una foto di lei insieme a Salvini e al vicepresidente di Forza Italia Antonio Tajani, che si sono incontrati stamattina in un hotel sul lungomare di Catania.
 

FAN E MANIFESTANTI Momenti di tensione davanti al tribunale di Catania tra fan di Salvini e manifestanti contro l'ex ministro. «Il popolo vuole Salvini al governo, questo processo è una vergogna», grida una giovane che tiene un cartello, mentre un uomo le risponde: «Vergogna». La zona è tutta transennata per impedire l'ingresso alle persone non accreditate.

Sequestro di persona e abuso in atti di ufficio. Con questi capi di imputazione, Matteo Salvini, si presenta oggi in tribunale a Catania, per l'udienza preliminare davanti al giudice Nunzio Sarpietro. La prima tappa di un procedimento che potrebbe portare al processo dell'ex ministro dell'Interno, oppure all'archiviazione della richiesta di rinvio a giudizio.

Il leader leghista, arriva di fronte al gup, dopo la richiesta di giudizio fatta dal Tribunale dei ministri di Catania, richiesta che ha ottenuto il via libera del Senato lo scorso 12 febbraio. L'accusa formulata è quella di aver "abusato dei suoi poteri privando della libertà personale 131 migranti a bordo dell’unità navale Gregoretti della guardia costiera italiana dalle 00:35 del 27 luglio 2019 fino al pomeriggio del 31 luglio", quando fu disposta l’autorizzazione allo sbarco nel porto di Augusta, nell’ambito di un accordo per la distribuzione dei migranti in altri cinque paesi Ue.

Ultimo aggiornamento: 15:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA