Pd, dopo Zingaretti verso un segretario "traghettatore". Pinotti, Serracchiani e Delrio, i nomi in corsa

Sabato 6 Marzo 2021 di Diodato Pirone
Pd, dopo Zingaretti verso un segretario "traghettatore". Pinotti, Serracchiani e Delrio, i nomi in corsa

Il futuro del Pd passa per l'assemblea del 13 e 14 marzo durante la quale - ma quasi solo in teoria - potrebbe emergere anche il rientro per acclamazione di Nicola Zingaretti a segretario del partito. In realtà l'ipotesi più gettonata è quella che venga eletto un nuovo segretario "traghettatore" che accompagni il partito al congresso. E’ già successo dopo Veltroni (il ruolo fu assegnato a Franceschini), dopo Bersani (Epifani) e dopo Renzi (Martina). In tutti questi casi, però, all'orizzonte non c'erano passaggi "pesanti" come le amministrative di ottobre che eleggeranno i sindaci delle sei le maggiori città e soprattutto l'elezione del nuovo capo dello Stato alla fine del gennaio 2022.

Grillo: «Mi candido alla segreteria del Pd, partito deve avere una narrazione»

In vista del congresso

In più oggi quasi tutti i Dem di peso chiedono non un congresso ordinario ma un'assise costituente, che ridefinisca l'identità del Pd sapendo tutto quello che il governo Draghi riuscirà a realizzare sarà la base per tutte le scelte a partire da quella più importante: stare dalla parte dei riformisti o di chi punta a un partito di sinistra "classica".

 

Per  i maggiorenti del partito il nodo da sciogliere subito è quello di eleggere un segretario "figlio" dell'attuale maggioranza Zingaretti-Franceschini oppure un segretario “unitario” che apra almeno a Base riformista, la corrente di Guerini e Lotti. L'elezione di Andrea Orlando escluderebbe Base Riformista dall'intesa, mentre una figura come quella di Roberta Pinotti (vicina a Franceschini e Fassino) forse potrebbe favorire un accordo largo. Un altro nome che circola con insistenza è quello di  Graziano Delrio ma  una donna  avrebbe un consenso maggiore (oltre a Pinotti molti fanno il nome di Debora Serracchiani) per eliminare quella prevalenza maschile emersa in occasione della scelta dei ministri del governo Draghi.

Ultimo aggiornamento: 20:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA