Giuseppe Conte, declina la candidatura alle suppletive di Roma: «Devo fare ancora molto per il M5s»

L'ex premier e attuale leader del Movimento 5 stelle ha l'idee chiare per il futuro del suo partito

Lunedì 6 Dicembre 2021
Giuseppe Conte, declina la candidatura alle suppletive di Roma: «Devo fare ancora molto per il M5s»

Giuseppe Conte, leader del Movimento 5 stelle, declina l'invito del Pd a candidarsi alle suppletive di Roma. In conferenza stampa, il leader pentastellato, ha spiegato ai giornalisti di aver capito che in questa fase ha ancora molto da fare per il Movimento 5 stelle. 

 

Leggi anche > Laura Castelli e il portavoce di Di Maio sposi: le nozze a 5 Stelle a Trastevere

 

«Ringrazio il Pd e Letta per la disponibilità e la lealtà nella proposta - ha spiegato l'ex premier in conferenza stampa -, ma dopo un nuovo supplemento di riflessione ho capito che in questa fase ho ancora molto da fare per il M5s e non mi è possibile dedicarmi ad altro». 

 

Così Giuseppe Conte, in conferenza stampa, spiega che non si candiderà alle suppletive per il Collegio Roma Centro della Camera. «Vi assicuro che questa istanza di controllare i parlamentari non mi sfiora. Vi dimostrerò che M5s sarà la forza politica che, attraverso il dialogo e il confronto, si dimostrerà più compatta nell’affrontare questo passaggio delicato». 

 

A seguito dell'iniziativa del Pd di offire il colleggio che fu di Gualtieri al leader del M5S, Carlo Calenda nella mattinata di oggi aveva fatto sapere di essere pronto a candidarsi per contrastare l'elezione dell'ex premier. 

Ultimo aggiornamento: 19:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA