Draghi, Macron e Scholz in treno verso Kiev. Sui social è polemica: «Perché sono senza mascherina?»

La guerra in Ucraina passa in secondo piano: al centro dell'attenzione finisce quel particolare che tanto fa discutere in Italia

Draghi, Macron e Scholz in treno verso Kiev. La bufera social: «Perché sono senza mascherina?»
Draghi, Macron e Scholz in treno verso Kiev. La bufera social: «Perché sono senza mascherina?»
3 Minuti di Lettura
Giovedì 16 Giugno 2022, 10:19 - Ultimo aggiornamento: 10:46

Mario Draghi, Emmanuel Macron e Olaf Scholz hanno viaggiato in treno verso Kiev. L'obiettivo è quello di dimostrare ancora una volta il sostegno all'Ucraina e soprattutto cercare una via europea di uscita dal conflitto, ma su Twitter gli utenti notano un dettaglio che sta scatenando la polemica. I tre presidenti sono senza mascherina, all'indomani della proroga che vede l'obbligo di indossare la mascherina sui mezzi pubblici fino al 30 settembre. 

Leggi anche >  Guerra Ucraina, Draghi, Macron e Scholz a Kiev da Zelensky. «A Severodonetsk 10mila civili sotto le bombe»

Da Palazzo Chigi informano: «Verrà portato un messaggio di forte solidarietà», mentre Macron è più netto: «Zelensky e i suoi funzionari dovranno negoziare con la Russia». Ma molti italiani, più che alla guerra in Ucraina, rivolgono la loro attenzione sul dettaglio che fa discutere. Draghi, Macron e Scholz non indossano la mascherina sul treno che li ha condotti a Kiev.

Nella giornata di ieri, 15 giugno, è scaduto l'obbligo di indossare la mascherina all'interno dei luoghi chiusi. Ma da Palazzo Chigi è arrivata una proroga per quanto riguarda i mezzi di trasporto pubblici: negli autobus, in metro, sugli aerei e, appunto, a bordo dei treni resta l'obbligo di mascherina fino al 30 settembre.

 

Una decisione che ha scatenato il malumore tra gli italiani che si immaginavano un'estate senza restrizioni contro la diffusione da Coronavirus. E alla vista dei tre presidenti senza mascherina, sui social, è scoppiata la bufera. In molti accusano Mario Draghi di una mancanza di coerenza e di rispetto nei confronti di un Paese intero obbligato a indossare il dispositivo di protezione fino a fine estate. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA