Il deputato leghista Gianluca Vinci difende i medici no vax: «Attacchi vergognosi, se lo inietti chi vuole»

Lunedì 8 Febbraio 2021 di Simone Pierini
Il deputato leghista Gianluca Vinci difende i medici no vax: «Attacchi vergognosi, se lo inietti chi vuole»

«Vergognosi gli attacchi ai medici e agli infermieri che non vogliono vaccinarsi! #SeLoIniettiChiVuole». Con questo messaggio pubblicato sulla sua pagina Facebook il deputato leghista Gianluca Vinci ha preso le difese dei medici e degli infermieri che hanno rifiutato di ricevere il vaccino anti Covid. Una presa di posizione dopo la notizia emersa sabato scorso di un focolaio esploso nel reparto di geriatria dell'ospedale civile 'Santa Maria della Misericordia' di Rovigo con 20 pazienti su 30 risultati positivi al virus. La positività al SarsCov 2 è stata riscontrata anche su un infermiere ed un operatorio socio sanitario del reparto. Entrambi fanno parte di una minoranza di dipendenti dell'azienda ospedaliera rodigina che avevano rifiutato di sottoporsi al vaccino.

 

 

La notizia aveva scatenato numerose reazioni tra cui le parole del virologo Roberto Burioni, da sempre durissimo contro gli operatori sanitari contrari a sottoporsi al vaccino. Burioni aveva definito la vicenda «inaccettabile». «Spero che una priorità per il nuovo Governo sia mettere fine a questa inaccettabile vergogna dei sanitari che rifiutano il vaccino mettendo a rischio i loro pazienti», aveva dichiarato. 

 

 

Il deputato Gianluca Vinci fa parte della Commissione parlamentare per gli affari costituzionali e interni oltre ad essere componente della giunta per le autorizzazioni con carica di Capogruppo. Reggiano, Vinci si era già reso protagonista durante la protesta dei ristoratori #IoApro che decisero di alzare la serrande anche per cena andando contro le disposizioni del governo. Il parlamentare leghista finì tra le persone multate a Reggio Emilia per aver cenato con la fidanzata proprio in uno dei locali che hanno aderito alla protesta. 

 

In seguito alla difesa di oggi è arrivata la presa di posizione del presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini: «Curioso il caso del deputato leghista reggiano Vinci, che settimane fa si vantava con orgoglio sui social di essere al ristorante, nonostante le regole non lo permettessero e che ora applaude medici e infermieri no-vax. Credo non serva alcun commento ulteriore. Giudicate voi», il tweet di Bonaccini.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA