Carlo Calenda e Matteo Renzi, una cena per l'alleanza: «Direi di no, il suo modo di fare politica non serve all'Italia»

Venerdì 24 Luglio 2020
Carlo Calenda (Instagram)
Carlo Calenda a Radio su Radio Rock commenta gli attuali scenari politici, tra Recovery Fund, elezioni comunali e… una cena con Matteo Renzi per una possibile alleanza.

Leggi anche > Meteo, nel weekend cambia tutto: in arrivo il caldo africano



Il leader di Azione infatti non andrebbe a cena per unire le forze con l’Italia Viva di Matteo Renzi: “Ad una cena con Renzi per unire le forze tra Italia Viva edAzione? Direi di no -  ha confidato durante “The Rock Show”, condotto da Emilio Pappagallo ed Alessandro Tirocchi - Il suo modo di fare politica non è quello che serve all’Italia oggi. Non rinnego molte cose buone che ha fatto, ma non è un modo serio, coerente e trasparente di lavorare”.

Buono il giudizio sul Recovery Fund  (“Conte in Europa è stato bravo, non ho difficoltà ad ammetterlo. Nonostante ciò, il mio giudizio complessivo sul Governo resta negativo”), ma non sul governo e la proposta di istituire una task force per la gestione dei 209 miliardi stanziati dalla Ue: “Le task force sono un modo per nascondere le inefficienze del Governo, perché se tu gli metti sopra o di fianco una task force, altro non fai che creare casino. Tanto vale mettere ministri che sappiano gestire le cose”.


L’ex ministro dello sviluppo economico ha quindi rievocato alcune proposte del periodo in cui era al governo, tra cui  quella su Alitalia: “Andava venduta a Lufthansa, io ci ho provato ed ho avuto tutto il Parlamento contro. A quel punto bisognava solo chiuderla, perché non è abbastanza grande per recuperare. Quindi continueremo a perdere miliardi per risolvere il problema”.
Sulle elezioni Comunali a Roma del 2021 ha commentato: “Se alla Raggi proponi di costruire un inceneritore a Piazza del Popolo per essere rieletta, lei lo fa”. Ultimo aggiornamento: 16:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA