Luca Sacchi ucciso a Roma, Salvini: «Male i tagli alla sicurezza». Conte: «Falso, miserabile speculare»

Giovedì 24 Ottobre 2019
Ragazzo ucciso a Roma, Salvini attacca governo e Raggi: male i tagli alla sicurezza

L'omicidio di Luca Sacchi, ucciso a Roma con un colpo di pistola alla testa per una rapina, scuote la politica. Da Salvini al Pd, a finire sotto attacco è soprattutto la Capitale in preda a una «emergenza sicurezza».

Luca Sacchi, chi era il ragazzo ucciso alla Caffarella durante una rapina

«Sono addolorato e commosso. Prego per Luca e sono vicino alla sua famiglia. Ma sono anche incredulo e sdegnato perché è inconcepibile quello che è accaduto. Da ex ministro dell'Interno fa ancora più male vedere tutta l'insicurezza della Capitale governata dai 5stelle e i tagli disastrosi che Renzi, Conte e Zingaretti fanno al fondo per le forze dell'ordine», dice Salvini, mettendo sotto accusa non solo Virginia Raggi ma anche il governo giallorosso.

L'ira di Giuseppe Conte. «Se qualcuno si permette di fare speculazioni su un fatto del genere in campagna elettorale lo trovo miserabile», dice il premier Giuseppe Conte a margine della visita all'azienda di Brunello Cucinelli, rispondendo agli attacchi di Matteo Salvini in seguito all'omicidio di Roma. Tagli alla sicurezza? «Ieri abbiamo varato gli stanziamenti aggiuntivi per gli straordinari alle forze dell'ordine per il 2018, e indovinate chi doveva farlo e non l'ha fatto...».

La senatrice di Fratelli d'Italia, Daniela Santanché, cita anche il ferimento di un 30enne cinese accoltellato alla gola in zona Termini, sempre a Roma: «Ragazzo 24enne ucciso perché difendeva la sua ragazza da una rapina. 30enne accoltellato alla gola, mentre lo derubavano. La Capitale ormai sui giornali ci finisce per stupri, omicidi e degrado, Virginia Raggi inizi a fare il sindaco o se ne vada!».

Luca Sacchi, la fidanzata sotto choc: «Mi hanno colpito con una mazza, poi gli hanno sparato»

Non sono meno critici i toni del Pd: «Roma oramai è diventata un Far West. C'e un'emergenza criminale che non può più essere ignorata», attacca Stefano Pedica. «È assurdo e intollerabile che un ragazzo venga brutalmente ucciso con un colpo alla testa nel tentativo di difendere la fidanzata da una rapina. Davanti a un episodio di tale gravità bisogna intervenire seriamente, destinando più fondi e uomini alla sicurezza». In una nota, il gruppo capitolino del Pd, sottolinea di non poter non «rilevare, ancora una volta, la pericolosa recrudescenza di un clima di violenza criminale in città».

Ultimo aggiornamento: 17:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA