Beppe Grillo sul caos M5S: «Sentenze si rispettano, mi confronterò con Conte»

Il co-fondatore del Movimento parla sui social dopo la sentenza del Tribunale di Napoli

Martedì 8 Febbraio 2022
Grillo sul caos M5S: «Sentenze si rispettano, mi confronterò con Conte»

Le parole Beppe Grillo erano forse le più attese, mentre la sua creatura vive il momento più complicato. Dopo la sentenza del Tribunale di Napoli che ha sospeso Giuseppe Conte dal ruolo di leader, il co-fondatore del Movimento 5 Stelle è intervenuto commentando su Facebook: «In questo momento non si possono prendere decisioni avventate. Promuoverò un momento di confronto anche con Giuseppe Conte. Nel frattempo, invito tutti a rimanere in silenzio e a non assumere iniziative azzardate prima che ci sia condivisione sulla strada da seguire», dice Grillo.

E mentre Conte ha replicato al Tribunale dicendo che «sono solo carte bollate e il leader del Movimento resto io», Grillo si è espresso diversamente: «Le sentenze si rispettano. La situazione, non possiamo negarlo, è molto complicata». Dall'ex presidente del Consiglio è arrivato comunque un endorsement virtuale, con la ricondivisione del post di Grillo sulla sua pagina Facebook. 

 

 

Cosa è successo

 

Un partito a guida congelata. Tecnicamente esce così il M5s dalla decisione del Tribunale di Napoli che ha disposto la sospensione dello statuto ratificato il 3 agosto e la nomina di Giuseppe Conte come presidente, arrivata due giorni dopo. Una novità che accelera le spinte caotiche interne al Movimento (e aumenta le preoccupazioni degli alleati dem), dove da settimane si assiste a uno scontro totale fra Luigi Di Maio e lo stesso Conte che, però, ovviamente continua a tenere il volante stretto fra le mani: «La mia leadership non dipende dalle carte bollate». E annuncia a stretto giro una nuova votazione sulle modifiche allo statuto, già necessarie dopo la bocciatura di dicembre della Commissione di garanzia per gli statuti e la trasparenza dei partiti politici, aprendo la consultazione anche agli iscritti con meno di sei mesi di anzianità, ossia il vulnus su cui si basava il ricorso vinto a Napoli da tre attivisti. «La mia leadership nel Movimento 5 stelle si basa ed è fondata sulla profonda condivisione di principi e valori. Quindi è un legame politico prima che giuridico», ha chiarito l'ex premier, al termine di una giornata aperta dalla sua intervista a La Stampa in cui invitava Di Maio a evitare «guerre di logoramento».

 

 

 

La situazione

 

Il pomeriggio lo ha trascorso studiando mosse e contromosse per ore nella sua abitazione romana assieme, fra gli altri, al senatore Vito Crimi, ex capo politico reggente del Movimento, e al ministro dell'Agricoltura Stefano Patuanelli. Sul tavolo le otto pagine del provvedimento, depositato oggi ma formulato il 3 febbraio, in cui si definisce «illegittima l'esclusione di 81.839 iscritti» con meno di sei mesi di anzianità che a inizio agosto non hanno potuto votare la consultazione. Alla fine vi hanno partecipato 60.940 persone (approvando il testo con l'87% dei consensi), un numero inferiore a quello che sarebbe stato il quorum della metà più uno dei 195.387 complessivamente iscritti, contando anche quelli con meno di sei mesi. Ora, per gli attivisti che hanno fatto ricorso con il legale Lorenzo Borré, ma anche per la Associazione Rousseau, bisogna riportare il M5s indietro di sette mesi, ripartendo dalla nomina del comitato direttivo con un voto indetto dal garante Beppe Grillo sulla piattaforma Rousseau.

 

 

Dal M5s, però, contestano una interpretazione che «contrasta la prassi consolidata nelle votazioni seguite dal Movimento e un indirizzo che mirava a scongiurare che la comunità fosse infiltrata da cordate organizzate ad hoc al fine di alterare le singole votazioni, complice anche la gratuità e semplificazione dell'iscrizione». Alla sospensione «si risponde con un bagno di democrazia», ha aggiunto poi Conte, ospite di Otto e Mezzo, annunciando la nuova votazione sullo statuto. Per molti, all'interno del M5s, sono casuali solo all'apparenza le variabili del caos, che è venuto tutto a galla nella partita sul Quirinale, in un momento cruciale per il governo, con le liste per le Amministrative da preparare. Il 5 febbraio Di Maio si è dimesso dal Comitato di garanzia e fino a questa mattina ci si interrogava soprattutto su chi lo avrebbe sostituito, su quando sarebbe andato in scena il confronto da tutti auspicato, in un'assemblea di soli parlamentari o aperta agli iscritti, e come sarebbe stato gestito. Dubbi destinati ad aumentare dopo la sentenza di Napoli.

 

Di Maio «l'ho sentito per telefono e mi ha detto che é desideroso di esprimere idee e progetti - ha raccontato Conte -. É vero, un passaggio difficile c'è stato ma l'interesse del Movimento viene sempre prima delle persone. Non é nell'orizzonte delle cose che Di Maio venga espulso ma é ovvio che lui, che é l'ex leader, ha delle responsabilità in più. Una leadership vera non ha mai paura del confronto sulle idee ma di fronte ad un attacco così plastico, in televisione, non si può fare finta di nulla». Fra i temi divisivi anche il limite dei due mandati. «Questa regola ha un fondamento che va mantenuto, ne vorrei discutere con Grillo, ma ragionerei sul trovare qualche volta delle deroghe...», ha osservato l'ex premier, ma senza sbilanciarsi sul caso Di Maio, già eletto due volte in Parlamento: «Adesso non personalizziamo, a tempo debito faremo le valutazioni del caso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA