Green pass, scuola, obbligo vaccino, mascherine e colori Regioni: le nuove regole

«Siamo in una fase e in un tempo nuovo» sintetizza il ministro della Salute Roberto Speranza

Green pass, scuola, obbligo vaccino, mascherine e colori Regioni: le nuove regole da domani (7 febbraio)
Green pass, scuola, obbligo vaccino, mascherine e colori Regioni: le nuove regole da domani (7 febbraio)
5 Minuti di Lettura
Domenica 6 Febbraio 2022, 18:13 - Ultimo aggiornamento: 21 Febbraio, 21:59

Green pass illimitato per chi ha completato il ciclo vaccinale - ma anche per chi ha fatto solo due dosi di vaccino ed è guarito dal Covid - quarantena a scuola da 10 a 5 giorni e solo per i non vaccinati, Dad che scatta da cinque casi in su per nidi materne ed elementari, niente più restrizioni per gli immunizzati, anche in zona rossa, turisti che potranno accedere ad alberghi e ristoranti anche se hanno solo il pass base.Il Governo rivoluziona le norme anti-Covid a circa un mese dall'ultimo decreto. Stavolta l'obiettivo - tenuto conto anche dell'alto numero di vaccinazioni dei dati che indicano un significativo calo della curva dei contagi - è quello di garantire ancora maggiore libertà a chi ha seguito le indicazioni e si è vaccinato, semplificando le regole, allentando le restrizioni e provando a riaprire l'Italia. Il decreto con le nuove norme sarà operativo per domani, lunedì 7 febbraio. «Siamo in una fase e in un tempo nuovo» sintetizza il ministro della Salute Roberto Speranza. Nulla cambia invece per il lavoro da remoto: «Sullo smart working restano vigenti i provvedimenti attuali, nessuna modifica dal Cdm», precisa Speranza.

Scuola, cambia tutto

L'intervento più importante, come era stato ampiamente annunciato, è quello sulla scuola, dove la babele di regole ha creato problemi e disagi a migliaia di famiglie e mandato nel caos il sistema scolastico anche se il ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi rivendica, dati alla mano, ciò che è stato fatto finora, che ha consentito di avere «l'81,3% degli alunni, il 92% dei docenti e il 93,2% del personale tecnico amministrativo in presenza». Ora però si cambia poiché, aggiunge, «stiamo marciando verso una nuova normalità».

Nella bozza si prevede di dimezzare la durata della Dad, che passa da 10 a 5 giorni in tutte le scuole di ogni ordine e grado e rimarrà solo per i non vaccinati, ad eccezione della fascia 0-6 anni, nella quale non è autorizzata la vaccinazione. La differenza, dunque, è che negli asili nido e nelle scuole dell'infanzia, tutti i bambini rimarranno a casa quando in classe ci sono 5 o più casi di positività al Covid e non più alla presenza di un caso come avviene oggi. Alle elementari, medie e superiori, invece, la didattica a distanza scatterà solo per i non vaccinati: alle primarie, così come per la fascia 0-6, dal quinto caso in su, alle secondarie dal secondo in poi.

Chi resta in classe e ha più di sei anni dovrà utilizzare le mascherine FFp2 mentre a nidi e infanzia, dove per i bimbi non c'è obbligo di dispositivi di protezione, ad usare le Ffp2 saranno solo i docenti. Il decreto introduce un'ulteriore novità, i tamponi 'fai da tè per scuole dell'infanzia ed elementari. Fino a 4 casi, infatti, si rimane tutti in classe, ma se un bambino dovesse mostrare sintomi del virus, dovrà sottoporsi ad un tampone, molecolare, antigenico oppure «autosomministrato». In caso quest'ultimo desse esito negativo, per rientrare in classe basterà l'autocertificazione. Chi, invece, va in quarantena, in ogni ordine e grado d'istruzione, per tornare a scuola dovrà fare un tampone antigenico o molecolare e non avrà bisogno del certificato medico.

 

Stop divieti per i non vaccinati

Un'altra misura che rivoluzionerà radicalmente le regole con cui gli italiani hanno vissuto per mesi è quella che modifica le restrizioni in zona rossa. Le fasce di colore rimarranno ma anche in quelle Regioni che dovessero finire in rosso non ci saranno più divieti per chi ha completato il ciclo vaccinale, come già avviene di fatto in zona gialla e arancione. Le restrizioni rimarranno invece per i no vax.

Green pass senza limiti

Dopo aver ridotto la durata del certificato da 9 a 6 mesi - a differenza di quel che accade nel resto d'Europa - il governo torna sui suoi passi per risolvere un problema che si sarebbe posto a metà marzo quando migliaia di italiani, poiché hanno fatto il booster a metà settembre e non essendo autorizzata la quarta dose, si sarebbero veduti scadere il green pass e non avrebbero potuto accedere ad attività e servizi pur avendo rispettato le indicazioni del governo. La bozza del decreto prevede dunque che, per chi ha completato il ciclo vaccinale e anche per chi si è contagiato e è guarito dopo essersi vaccinato, il pass ha validità «senza necessità di ulteriori dosi di richiamo». Dunque, illimitata. Per chi, invece, si è contagiato dopo la prima dose, il certificato varrà 6 mesi.

Turisti in hotel con Pass base 

Con il provvedimento si risolve anche un problema sollevato nei giorni scorsi dal mondo del turismo: fino ad oggi, infatti, gli stranieri potevano entrare in Italia con il pass base ma non alloggiare in hotel o mangiare al ristorante o accedere a tutte quelle attività per le quali è previsto il pass rafforzato, che all'estero non esiste. Dall'entrata in vigore del provvedimento, chi è vaccinato e guarito da meno di 6 mesi, potrà accedervi con il pass base. Chi invece ha un certificato di guarigione o vaccinale da più di sei mesi - compresi quelli ottenuti con Sputnik o con altri vaccini non autorizzati dall'Italia - dovrà mostrare l'esito negativo di un tampone effettuato 48 ore prima se antigenico o 72 se molecolare. Tampone che non è obbligatorio se si è guariti dopo aver completato il ciclo di vaccinazione.

di Alessandro Strabioli

© RIPRODUZIONE RISERVATA