Governo, Conte al Quirinale poi vede M5S-Dem. Pd: passi avanti, presto la squadra. Percorso a ostacoli, si tenta sintesi

Sabato 31 Agosto 2019
Delrio e Marcucci a alazzo higi per il vertice con Giuseppe Conte

Crisi, un'altra giornata difficile sul fronte governo con le molte anime di M5S e Pd che si fronteggiano (e spesso si scontano) per trovare una sinistra. Giuseppe Conte ha fatto il punto con le delegazioni Pd-M5S a palazzo Chigi sul programma: «Andiamo avanti, teniamoci aggiornati». Un incontro, rivelano fonti parlamentari, tenuto in un clima «positivo». Il premier incaricato ha approfondito il lavoro accostando i due documenti con cui i capigruppo dem e pentastellati si erano presentati consultazioni alla Camera con lo stesso premier incaricato.

Quota 100 a rischio nel 2020. «Spesa eccessiva, troppi pensionati in Italia»

«I punti in comune ci sono, vanno approfonditi, il lavoro procede», spiegano le stesse fonti. Conte avrebbe lasciato trapelare un certo ottimismo sulla possibilità di intervenire positivamente sulle questioni nate dopo la dura presa di posizione di Luigi Di Maio. Il premier si sarebbe preso una giornata, domani (domenica) per continuare il lavoro di elaborazione in modo da arrivare al più presto, forse già lunedì, ad un nuovo confronto con i capigruppo che potrebbe anche essere risolutivo. A questo proposito, fonti parlamentari Pd e M5S non escludono un incontro tra Nicola Zingaretti e Luigi Di Maio.
 


Marcucci: squadra di qualità. «Ora Conte ha una grande responsabilità: deve procedere senza strappi, e portare al Colle, nel più breve tempo possibile, una squadra di governo che sia realmente di qualità anche nei nomi scelti». Lo scrive su Fb il capogruppo Pd al Senato Andrea Marcucci. «Quando si parla, quando gli ultimatum vengono messi a tacere è naturale fare tanti passi avanti. Ô quello che è successo oggi durante l'incontro» con Conte e i capigruppo M5s. «Un incontro sul programma», che «è la cosa che più interessa al Pd». «Andiamo avanti con fiducia e coraggio», conclude.

I dubbi di Zingaretti: «Forse Di Maio ha accordo post elettorale con la Lega»

LA GIORNATA IN DIRETTA
Conte da Mattarella. Incontro a sorpresa stamani tra Giuseppe Conte e Sergio MattarellaDopo l'incontro al Colle con il Capo dello Stato sono emersi in ambienti parlamentari della maggioranza timori che Conte stesse anche ipotizzano la possibilità di rinunciare al mandato conferitogli dal Capo dello Stato, alla luce delle difficoltà emerse nelle ultime ore. L'incontro sul programma a Palazzo Chigi tra delegazioni Pd-M5S e il premier incaricato Giuseppe Conte è stato così spostato alle 12. Ieri sembrava quasi fatta. Ma poi Luigi Di Maio ha chiesto di più. «Non pretendo uno sprint, ma un'accelerazione gioverebbe - scrive stamane su Twitter il presidente del Pd, Paolo Gentiloni -. Alle possibilità di risolvere la crisi e soprattutto alla dignità della politica. Aspettando Rousseau».

IL VERTICE M5S-PD
Delrio all'uscita del vertice​. «Abbiamo fatto ulteriori passi avanti, e il presidente si incaricherà di fare una sintesi quasi definitiva». Lo afferma il capogruppo Pd alla Camera Graziando Delrio al termine dell'incontro con la delegazione M5S e il premier incaricato Giuseppe Conte.
 

M5s, la posizione. «Non mi risultano mal di pancia» nel M5S, «è chiaro che stiamo tenendo il punto sul programma, sull'agenda politica». Lo dice il capogruppo M5S Francesco D'Uva al termine dell'incontro con la delegazione Pd e il premier incaricato Giuseppe Conte.

Confindustria, Boccia: «Primo obiettivo la crescita con infrastrutture e lavoro»

 


Pd vuole chiarimenti. «Vogliamo un chiarimento sul programma e di questo stiamo parlando con il presidente Conte». Così la vicesegretaria Pd Paola De Micheli in una breve dichiarazione alla stampa davanti al Nazareno. «Continuiamo a lavorare a un programma serio per gli italiani e non accettiamo ultimatum», ha detto, senza rispondere a domande.

Salvini e Berlusconi sempre più lontani. Il Cav si smarca: «Italia regalata alla sinistra»
 


il documento di LeU. Conte, a quanto si apprende da fonti di Palazzo Chigi, «ha ricevuto da Leu un documento contenente i loro contributi programmatici. Il documento è stato distribuito alle delegazioni presenti nell'incontro di oggi a Chigi». «Ci sono già stati contatti telefonici e prossimamente ci saranno anche incontri», si apprende dalle stesse fonti.

De Micheli (Pd): «Posizione Di Maio incomprensibile, è tornato indietro»

Zingaretti in mattinata. «L'apertura di una nuova possibile fase politica e di Governo già ci ha fatto guadagnare 600 milioni di euro. In prospettiva potrebbero essere fino a 15 miliardi. Euro che tornano alle famiglie e alle imprese italiane.Ecco perché continuiamo a chiedere una stagione nuova e un governo di svolta. Per un Italia che scommette sul lavoro, l'ambiente, la scuola e la ricerca, gli investimenti pubblici e privati». Lo scrive su Facebook il Segretario del Pd Nicola Zingaretti.

Ira Salvini. «Presidente Mattarella, basta, metta fine a questo vergognoso mercato delle poltrone, convochi le elezioni e restituisca la parola e la dignità agli Italiani». È quanto chiede, invece, il leader della Lega Matteo Salvini al capo dello Stato in una dichiarazione.

LEGGI ANCHE Crisi di Governo, avvocato pescarese si incatena a Montecitorio
LEGGI ANCHE I dubbi di Zingaretti: «Forse Di Maio ha accordo post elettorale con la Lega»

 

Ultimo aggiornamento: 1 Settembre, 00:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA