Morto Gianni De Michelis, ministro simbolo degli anni 80: da Maastricht alle discoteche

Sabato 11 Maggio 2019
Morto Gianni De Michelis, ministro simbolo degli anni 80: da Maastricht alle discoteche

Da ministro degli Esteri, firmò il Trattato di Maastricht che dette vita all'Unione Europea. Era il 1992. Gli anni Ottanta erano finiti da poco e, con Tangentopoli, in breve sarebbe stata archiviata la Prima Repubblica. Gianni De Michelis, morto a 78 anni nella sua Venezia dopo una lunga malattia, è stato un simbolo dei primi e della seconda. Nel giorno dell'addio, anche chi gli è stato avversario gli ha riconosciuto un ruolo da protagonista di quella stagione politica. De Michelis uscì di scena con Mani Pulite. «I procedimenti contro di me furono una trentina - ricordò al Corriere della Sera - Per non diventare matto, mi dissi che dovevo trovarmi qualcosa da fare. E passare dalle discoteche alle biblioteche».

De Michelis, il patron del Tartarughino: «Ne aveva fatto il suo ufficio»

Pur fiero delle radici veneziane, De Michelis è il ministro che più ha rappresentato la 'Milano da berè. Le serate goderecce del socialista dai capelli lunghi e dal fisico rotondo erano la fotografia di un'Italia che voleva mostrarsi dinamica e spensierata. Gli piaceva la bella vita e belle donne. E se ne circondava. «La condizione per fare politica - raccontò a una tv tedesca - era di potermi divertire. Ballavo di notte, ma dopo 14 ore di lavoro al ministero. Però le mie feste erano le più belle, anche di quelle di Pomicino». Enzo Biagi soprannominò de Michelis «un avanzo di balera».

Gianni De Michelis, chi era l'ex ministro degli Esteri

Lui non se la prese troppo. Con Claudio Martelli e Giuliano Amato, De Michelis fu uno dei protagonisti della svolta socialista del 1976 quando, al comitato centrale riunito all'Hotel Midas, Craxi spodestò Antonio De Martino dalla segreteria. «Gianni - ha ricordato Stefania Craxi - è stato un compagno leale di mio padre, nella buona e nella cattiva sorte. Non gli fece mai mancare la sua vicinanza negli anni dell'esilio tunisino». Anche Bobo Craxi ha riconosciuto a De Michelis «una lealtà che non era servile, ma frutto di coerenza e intelligenza». Nel suo messaggio di cordoglio, il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricordato «uno dei protagonisti della attività di governo dell'ultima parte del Novecento» che «ha segnato con la sua azione una significativa stagione della politica estera del nostro Paese».
 

Per il presidente del parlamento europeo e vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, De Michelis «è stato un grande politico, e un uomo di grandissima intelligenza». Messaggi sono arrivati da diversi schieramenti, da +Europa allo Psi ai sindacati. «La storia di questa democrazia è fatta di personalità che ne hanno segnato il corso - ha detto il segretario Pd Nicola Zingaretti - sicuramente, lui è stato una di queste, non c'è dubbio». Bobo Craxi era rimasto legato a De Michelis. «Una volta - ha raccontato - sono andato a trovarlo e ho capito che sarebbe stata l'ultima. Ho pensato: non tornerò. Perché condividevamo un elemento della tragedia che ci colpì. Per noi Tangentopoli è stata una guerra e i sopravvissuti della guerra non vogliono parlarne». De Michelis, ha concluso Bobo Craxi, «ha passato gli ultimi anni in un'ansia ricostruttiva. Ci teneva che non restasse l'idea che i socialisti di quella stagione avessero lasciato un segno negativo».

Ultimo aggiornamento: 12 Maggio, 12:27 © RIPRODUZIONE RISERVATA