Governo, Draghi parla domani al Senato: discorso sul programma per il voto di fiducia

Governo, Draghi parla domani al Senato: discorso sul programma per il voto di fiducia
Governo, Draghi parla domani al Senato: discorso sul programma per il voto di fiducia
di Francesco Malfetano
2 Minuti di Lettura
Martedì 16 Febbraio 2021, 09:53

Il primo discorso da premier di Mario Draghi ci sarà domani. L'appuntamento è a Palazzo Madama alle ore 10. Il primo ministro mercoledì infatti, si presenterà al Senato con un discorso programmatico in cui illustrerà le priorità del suo nascente esecutivo e chiederà ai senatori la fiducia. Nel discorso, decisivo soprattutto per l'imponente quota di "malpancisti" cinquestelle che potrebbero anche infine astenersi, detterà in pratica la linea del governo chiarendo le azioni con cui il premier ha intenzione di sconfiggere la pandemia accelerando la campagna di vaccinazione, riformare il sistema sanitario, favorire la ripresa economica, approcciarsi all'Europa e risollevare il destino di giovani e donne, i più penalizzati dall'emergenza. Metterà cioè in fila, a telecamere accese, i temi più importanti affrontati durante le consultazioni con i partiti politici.

Governo Draghi e Covid, l'Italia resta divisa in zone: niente lockdown nazionale, ma fasce rosse locali. Il piano

I TEMI

Temi su cui, nel corso della giornata, si esprimeranno proprio i senatori (secondo un programma degli iscritti a parlare a cui i capigruppo stanno lavorando). Poi, attorno alle 20.30 di domani si arriverà alla prima "chiama". Ovvero alla chiamata per i senatori ad esprimere il proprio voto di fiducia o meno per il neonato esecutivo. 
Il giorno successivo, giovedì, il medesimo schema si ripeterà quasi identico. La convocazione a Montecitorio però stavolta è alle 11.30. Anche in questo caso il voto dovrebbe poi arrivare in serata, ma la scansione dei lavori verrà definita alla vigilia dalla conferenza dei capigruppo.

 

IL CALENDARIO

Draghi sembra intenzionato a chiudere in tempi brevi le nomine di sottosegretari e viceministri. Si parla di un Consiglio dei ministri venerdì, ma il tema agita le forze politiche e non è detto che si riesca a trovare in tempo la quadra su circa quaranta designazioni.  Venerdì sarà anche il giorno del debutto di Draghi sulla scena internazionale come premier: parteciperà da remoto alla riunione dei leader del G7 (la prima dall'aprile 2020), virtualmente ospitata dalla Gran Bretagna, con al centro la lotta al Covid, l'economia mondiale e i rapporti con la Cina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA