Crisi di governo, l'ipotesi di un Esecutivo ponte fino alle elezioni

Con l'apertura della crisi di governo si fanno largo più scenari. Uno di questi è che le forze politiche più “responsabili” (o più prosaicamente, preoccupate all’idea di votare) diano vita a un esecutivo di larghe intese o ponte, che dir si voglia, che gestisca gli affari correnti e soprattutto realizzi la manovra d’autunno, prima di portare il paese a votare. Naturalmente non ne farebbe parte la Lega, che ha provocato la rottura e anzi teme questa soluzione al pari di Fratelli d’Italia, ma potrebbero per ipotesi aderirvi da M5S al Pd a Forza Italia.

Crisi governo, cosa succede ora? Elezioni, le date utili

Che sono poi gli stessi partiti che avrebbero più da perdere in caso di elezioni, ma sono anche quelli che si ritrovano nel comune voto a favore della nuova presidente della Commissione Ue, von der Leyen. Come a dire che sarebbe un esecutivo di rapporti distesi con Bruxelles.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Giovedì 8 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento: 21:31
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti