Zona rossa Capodanno. Visite agli amici e ai parenti: i divieti (e le multe), ecco cosa si può fare

Giovedì 31 Dicembre 2020 di Guliano Pani
Zona rossa 1 gennaio 2021. Visite agli amici e ai parenti: i divieti (e le multe), ecco cosa si può fare

L'Italia il 1 gennaio 2021 è tutta in zona rossa, con lockdown fino all'Epifania, tranne nella «pausa» arancione del 4 gennaio. Come successo per il Natale, anche il Capodanno sarà sorvegliato speciale. L'obiettivo è quello di evitare assembramenti pericolosi.

Zona rossa Capodanno, vietati balli, brindisi e botti: boom ordinazioni pesce

Le restrizioni

Le restrizioni saranno quelle già predisposte nella settimana di Natale, dal 24 al 27 dicembre, con il divieto di spostamento se non per andare a trovare amici o parenti, in massimo due persone (ed eventuali figli sotto i 14 anni o persone disabili) e una sola volta al giorno. Stando sempre attenti comunque al divieto assoluto di muoversi nelle ore del coprifuoco, cioè a partire dalle 22, se non per comprovate esigenze di lavoro, di salute o di necessità e urgenza. I trasgressori rischiano multe che possono variare dai 400 ai 1.000 euro.

Le slide del Dpcm ----> scarica il pdf

Roma, cenone di Capodanno: balconi e terrazze nel mirino dei vigili

Le regole in casa

In casa si possono ospitare al massimo due persone non conviventi, esclusi sempre i minori di 14 anni. Per questo le forze dell'ordine predisporranno controlli più serrati, in particolare sulle auto con più di due passeggeri.

Covid Italia, bollettino 30 dicembre: 16.202 contagi e 575 morti. Vaccinati 9.803 italiani

 

 

 

 

Zona rossa, l'Italia si ferma: dall'autocertificazione agli amici, le regole sino al 7 gennaio

Sci, slitta la riapertura delle piste

Ed intanto, in vista del 7 gennaio - e quindi di una cauta ripresa - sono diverse le attività che chiedono chiarezza sul futuro. Sembra ormai tramontata l'ipotesi della riapertura degli impianti sciistici che, su indicazione del presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini, potrebbe slittare al 18 gennaio. Una decisione che, con ogni probabilità, sarà presa solo nei primi dieci giorni del nuovo anno. Dalla Valle d'Aosta è comunque partito un appello al governo per mantenere alta l'attenzione sulle zone di montagna. Alcune regioni, poi, stanno pensando di cambiare la data dei saldi invernali, che tradizionalmente si svolgono proprio nei primi giorni dell'anno, in considerazione proprio degli ultimi giorni di zona rossa.

Ultimo aggiornamento: 1 Gennaio, 10:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA