Conte: «Non mi sento commissariato da Salvini»

Martedì 28 Maggio 2019
Conte: «Non mi sento commissariato da Salvini»

«Commissariato da chi? Salvini ha sempre fatto parte delle forze del mio governo. Perché dovrei sentirmi commissariato?». Lo dice il premier Giuseppe Conte al suo arrivo a Bruxelles per il vertice dei capi di Stato e di governo dell'Unione.

«Abbiamo chance perché l'Italia abbia il ruolo che si merita», ha detto ancora Conte interpellato sul dossier delle nomine europee, ma senza entrato nel merito di quale poltrona aspiri il governo. 

LEGGI ANCHE: Sblocca cantieri, vertice a Palazzo Chigi
LEGGI ANCHE: Tav, flat tax, autonomia: Salvini detta l'agenda: «Un mese per decidere»

Bruxelles, 28 mag. (AdnKronos) - Passate le elezioni europee, «adesso dobbiamo lavorare, abbiamo in cantiere tantissime iniziative e dobbiamo rilanciare l'azione di governo».

«Credo che neppure a casa sappiano per chi ho votato, mi son tenuto lontano perché è giusto nel mio ruolo aver vissuto da privato cittadino votante la campagna elettorale».
 

Sarebbe d'accordo nel rivedere il mandato della Bce? «Ci sono tanti dossier aperti, uno è anche quello: abbiamo tanto da lavorare».

Salvini ha proposto una flat tax da 30 miliardi? «Non abbiamo ancora iniziato a discutere della manovra economica».  «Non abbiamo ancora iniziato a discutere né di manovra economica né di riforma fiscale. Fatemi adesso riprendere, dopo la competizione elettorale, le fila del dialogo con gli esponenti di maggioranza e inizieremo tutti i dossier a esaminarli con calma», sottolinea Conte.

 

Ultimo aggiornamento: 18:47 © RIPRODUZIONE RISERVATA