Putin: il Parkinson, il tumore, l'ansia da Covid e la follia. Tutte le malattie ipotizzate per lo Zar

Dall'inizio dell'invasione russa in Ucraina sono tantissime le ipotesi che sono state avanzate sulle condizioni di salute del presidente. Nessuna confermata

Putin: il Parkinson, il tumore, l'ansia da Covid e la follia. Tutte le malattie ipotizzate per lo Zar
Putin: il Parkinson, il tumore, l'ansia da Covid e la follia. Tutte le malattie ipotizzate per lo Zar
4 Minuti di Lettura
Venerdì 13 Maggio 2022, 22:04

Le condizioni di salute di Vladimir Putin hanno raggiunto un livello di interesse enorme dall'inizio dell'invasione russa in Ucraina. Il presidente, visto come vero responsabile della guerra e delle paure di mezza Europa, sta per morire? La risposta ufficiale non c'è (dal Cremlino negano ogni tipo di speculazione sul tema), ma decine di esperti concordano sul fatto che lo zar non stia vivendo un momento di salute eccezionale. I segnali, analizzati nelle rare apparizioni in pubblico del numero uno di Mosca, suggeriscono la lotta con una malattia, probabilmente letale. 

 

 

Putin è malato? Tutte le ipotesi

Il primo a parlare della possibile malattia di Putin era stato il politologo russo Valery Solovey, che non aveva però azzardato una diagnosi. L'ipotesi tumore era invece stata avanzata inizialmente dall'alleanza di intelligence Five Eyes. L'aspetto gonfio dello zar suggerisce l'utilizzo di steroidi per il tumore. Gli 007 hanno aggiunto una disamina sulle sue condizioni psichiche: «C'è stato un cambiamento identificabile nel suo processo decisionale negli ultimi cinque anni circa. Coloro che lo circondano vedono un marcato cambiamento nella forza e nella chiarezza di ciò che dice e di come percepisce il mondo che lo circonda». Gli steroidi cambiano l'umore: ci si sente inizialmente invincibili e molto felici, poi si diventa più violenti e aggressivi. In molti casi sono state anche registrate schizofrenia, depressione e atteggiamenti maniacali: una condizione non proprio rassicurante per il leader di una grande potenza nucleare.

Il media russo Proekt ha parlato di un cancro alla tiroide, che avrebbe costretto Putin a 35 visite in 4 anni da uno specialista a Sochi. Notizia, anche in quel caso, smentita dal portavoce del Cremlino Peskov. Fiona Hill - una delle esperte statunitensi più rispettate in Russia - ha detto: «Putin non ha un bell'aspetto, ha la faccia piuttosto gonfia. Sappiamo che si è lamentato di avere problemi alla schiena. Potrebbe essere che stia assumendo alte dosi di steroidi, o potrebbe esserci qualcos'altro».

 

I dubbi sul Parkinson

La seconda ipotesi più accreditata sarebbe il morbo di Parkinson. Anche questa avvalorata da segnali più o meno chiari, analizzati da fior fior di specialisti. Tutti d'accordo, è malato. Nell'incontro con il suo omologo bielorusso Alexander Lukashenko mostra tremori pronunciati alle braccia e alla gambe e, addirittura, non passa inosservato un dettaglio: durante il colloquio Putin si aggrappa ai braccioli della sedia, quasi a voler impedire tremori troppo evidenti alle braccia.

Una scena simile si rivede in occasione del faccia a faccia di qualche settimana dopo con il ministro della Difesa Sergei Shoigu: in quell’occasione il leader russo passa larga parte del colloquio con le mani strette intorno agli spigoli del tavolo. I tremori si rivedono, poi, notevolmente, durante la messa di Pasqua, quando compaiono anche delle smorfie improvvise sul volto. E poi la camminata con il braccio destro fermo, le espressioni del volto, il respiro affannoso. Diversi indizi, ma la prova provata ancora non c'è.

Putin malato, i tre segni che indicano la malattia: il respiro affannoso durante il discorso e la postura sospetta

 

L'ansia da Covid e il timore di avvelenamento

Nella immaginaria cartella clinica del presidente, c'è una nota che segnala anche un'ansia da Covid totalizzante. Fonti vicine al Cremlino hanno raccontato come lo zar ha vissuto la pandemia. Lontano da tutti, isolato, terrorizzato. Il tavolo gigante sfoggiato agli incontri con il leader occidentali e con i suoi stessi collaboratori sarebbe una conferma. Non vuole avere contatti ravvicinati, teme la possibilità di essere contagiato. E come se non bastasse, secondo funzionari occidentali, a inseguirlo ci sarebbe anche il timore dell'assassinio. Il presidente avrebbe una squadra di assaggiatori e non si fiderebbe quasi di nessuno. Una vera e propria paranoia della morte.

 

L'ultimo annuncio

L'ultimo annuncio sulle sue condizioni arriva dal capo dell'intelligence di Kiev Kyrylo Budanov, intervistato da Sky.news.uk. «È in condizioni psicologiche e fisiche pessime ed è gravemente malato», di cancro e di altre malattie, secondo Budanov. «Alla fine porterà al cambio di leadership della Federazione Russa. Questo processo è già stato avviato e si stanno muovendo in quella direzione», ha dichiarato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA