Justin Bieber non potrà più comprare Ferrari: ha mancato di rispetto. Da Nicolas Cage a Kim Kardashian i vip nella black list di Maranello

Al cavallino rampante piace difendere il pregio del proprio marchio e per farlo è disposto anche a vietarne l'acquisto a una serie di persone famose. In Ferrari vige la regola: la legge è uguale per tutti

Justin Bieber non potrà più comprare Ferrari: ha mancato di rispetto. Da Nicolas Cage a Kim Kardashian i vip nella black list di Maranello
Justin Bieber non potrà più comprare Ferrari: ha mancato di rispetto. Da Nicolas Cage a Kim Kardashian i vip nella black list di Maranello
4 Minuti di Lettura
Martedì 3 Maggio 2022, 11:05 - Ultimo aggiornamento: 12:05

Il denaro non basta per possedere una nuova Ferrari. A Maranello pare esista da tempo una lista nera di nomi a cui non è più permesso di acquistare un auto del Cavallino - una lista di nomi prestigiosi nello spettacolo ma non nell'azienda. E ora a entrare ufficialmente nella black list ci si è aggiunto anche il nome di Justin Bieber.

Al cavallino rampante piace difendere il suo marchio e ora il rapper 28enne non potrà più permettersi di acquistare una Ferrari. Il motivo? I suoi comportamenti giudicati non consoni al codice etico della casa automobilistica.

Finisce l'amore con Justin Biber e Selena Gomez vende la villa di Los Angeles

Justine Biber nella black list di Ferrari: ecco il motivo

L'idolo delle teenager ha fatto veramente arrabbiare l'azienda dei bolide di lusso italiania a causa di due atteggiamenti che non avrebbero rispettato le Ferrari in suo possesso. Pare che a Maranello non abbiano gradito che il marito di Haley Baldwin abbia parcheggiato con noncuranza la sua Ferrari 458, dimenticandosi addirittura per due settimane dove fosse parcheggiata. L'auto fu ritrovata poi da un membro del suo staff. Lo stesso cantante canadese avrebbe condiviso tutto sui propri social network non pensando evidentemente alle conseguenze. Ma Justin non ha fatto solo questo perchè a far prendere la decisione drastica alla Ferrari è stato il fatto che il rapper dopo aver ritrovato la sua auto ha deciso di modificarne il colore facendola diventare blu elettrico, cosa vietata dall'azienda. E come se non bastasse il 28enne ha messo all'asta la Ferrari altra cosa vietata dalla casa automobilistica, da qui la decisione definitiva. 

Roma, la vita dorata nei campi nomadi: i rom con la Ferrari e il sussidio comunale

La lista dei vip che non possono avvicinarsi al Cavallino 

Ora quindi nonostante la sua fama e la sua ricchezza Justin Bieber non potrà quindi più comprare Ferrari. Ma Biber non è il primo vip a finire nella black list dell'azienda di Maranello. Secondo quanto trapela sul web, in questa famosa lista ci sarebbe anche l'attore hollywoodiano Nicolas Cage, considerata una persona capace di dilapidare il suo patrimonio senza freni - dunque una figura dall’immagine tutt’altro che immacolata, non adatta per Ferrari. Anche il rapper americano 50 Cent sarebbe ormai persona non gradita, poiché dopo esser rimasto a piedi con la sua Ferrari 488 avrebbe parlato malissimo del marchio sui suoi canali social - motivo per cui la casa di Maranello non gli venderà più automobili. La lista prosegue poi con il pugile Floyd Mayweather, reo di aver acquistato una Ferrari solo per mostrarla sui social, Kim Kardashian, per una questione legata a del denaro forse tutt’altro che pulito, e il rapper Tyga, il quale avrebbe saltato alcuni pagamenti della sua Ferrari in leasing. 

Nicolas Cage «ubriaco e molesto, pensavamo fosse un senzatetto». Cacciato da un ristorante a Las Vegas

Il codice etico di Maranello

Per la Ferrari è essenziale che le proprie lussuose vetture vengano in qualche modo sempre rispettate dai loro proprietari. Per questo esistono precise raccomandazioni che vengono fatte agli acquirenti, pena il divieto a concludere ulteriori affari con il Cavallino. Al cavallino rampante piace difendere il pregio del proprio marchio, odia ad esempio quando una celebrità acquista una vettura solo per sfoggiarla sui social network - e magari per finire in tribunale per aver utilizzato le auto a fini pubblicitari senza alcun accordo con la casa madre. In Ferrari questioni di questo tipo non piacciono affatto, motivo per cui è stata redatta questa sorta di Black List. E uscirne non è facile. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA