Corona, prime parole dal carcere: «Avevo bisogno di fermarmi»


«Avevo bisogno di uno stop. Avevo bisogno di fermarmi». Fabrizio Corona torna a parlare: le prime parole dal carcere di San Vittore a sei giorni dal nuovo arresto. Attraverso il suo legale Ivano Chiesa l'ex re dei paparazzi chiesa rilascia la prima dichiarazione, pubblicata attraverso un video apparso sul sito Edicola Nazionale. «Sono appena stato a trovare Fabrizio in carcere, mi ha detto che non intende commentare il provvedimento del giudice, ha detto "non voglio esprimermi"». 

LEGGI ANCHE: Fabrizio Corona, compleanno in carcere: «L'arresto? Sono entrati poliziotti in borghese»




LEGGI ANCHE: Fabrizio Corona compie 45 anni in cella, bacheca Instagram invasa di messaggi

Poi l'avvocato precisa: «"Avevo bisogno di uno stop, avevo bisogno di fermarmi", questo mi ha detto e questo io dico a voi». Fabrizio Corona è tornato a San Vittore lo scorso lunedì su decisione del magistrato del tribunale di Sorveglianza che ha sospeso l'affidamento terapeutico che gli era stato concesso per curarsi dalla dipendenza psicologica dalla droga. Due giorni fa lo staff di Corona Magazine aveva raccontato i dettagli dell'arresto, dell'ingresso degli agenti di polizia in borghese in casa sua. Il suo saluto a Nina Moric, alla mamma e al figlio Carlos Maria. 

Un arresto che Corona sembrava attendesse, come se fosse consapevole di quanto stesse avvenendo. Già prima dell'arrrivo degli agenti aveva rilasciato un'intervista a Telelombardia in cui di dichiarava che avrebbe «rifatto tutto, perchè Corona non cambia mai, morirà così». Uno dei motivi fondamentali, ha spiegato, «per cui ho pagato nella mia vita è stato perché ho manifestato sempre un'identità di pensiero, una libertà di pensiero diversa da tutti gli altri senza preoccuparmi di chi avevo di fronte», disse Corona.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Domenica 31 Marzo 2019 - Ultimo aggiornamento: 16:30
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti