Ossigeno, allarme dei farmacisti: non ci sono bombole. Boom del mercato nero su internet, a Napoli i sub le regalano ai cittadini

Mercoledì 25 Novembre 2020 di Maria Fabbroni

La carenza di bombole di ossigeno «è un problema serio. Non è una situazione che si verifica solo in Sicilia». A sottolinearlo è Roberto Tobia, segretario nazionale di Federfarma. Anzi, i contenitori per l'ossigeno da vendere nelle farmacie scarseggiano soprattutto a Napoli e provincia, dove addirittura i subacquei hanno donato le loro bombole ai cittadini grazie all'iniziativa della Capitaneria di Porto del capoluogo partenopeo. Un gesto bellissimo, ma che non risolve l'emergenza. Al punto che la caccia si fa soprattutto su internet, spesso a prezzi folli e senza alcuna sicurezza sul fatto che dentro le bombole offerte al mercato nero vi sia effettivamente ossigeno testato per la somministrazione terapeutica. La domanda ha superato il 400%.
In Puglia invece l'assessore-epidemilogo Lo Palco annuncia di aver risolto la questione approvvigionamento. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 08:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA