Roma, venerdì di passione: domani sciopero
tpl e proteste di studenti e lavoratori

Giovedì 13 Novembre 2014 di Flavia Scicchitano

Scioperi, cortei, presidi e manifestazioni: si preannuncia un venerdì nero per la Capitale che sarà blindata e bloccata sul fronte delle proteste e del trasporto pubblico.

Operai, lavoratori e studenti scenderanno in piazza per protestare contro le politiche del Governo Renzi e dell'Unione europea, ma anche contro l'inerzia dell'amministrazione regionale. Per domani i sindacati di base Cobas, Usi e Adl Cobas hanno indetto uno sciopero generale e sociale del lavoro pubblico e privato contro il Jobs Act, il Piano scuola e la legge di stabilità, a cui si è unita anche la Fiom con uno sciopero di otto ore che riguarderà i metalmeccanici del Centro-Nord: l'appuntamento per i lavoratori, precari, organizzazioni studentesche e centri sociali è alle 10 a piazza della Repubblica dove partirà il corteo, che passerà poi davanti al Ministero dell'Economia fino a piazza Vittorio.

Sempre venerdì, dopo lo sciopero di un mese fa, tornano in piazza anche gli studenti della “Rete della conoscienza” con un sit-in previsto per le 14 al ministero dell'Istruzione. Sul fronte locale, invece, le agitazioni riguarderanno i lavoratori della sanità privata che, al grido “Adesso Basta con la sanità di seconda classe! La Regione Lazio non può più restare immobile” protesteranno intorno alle 11 sotto la sede della giunta regionale in piazza Oderico da Pordenone.

Ma domani anche il trasporto pubblico sarà a rischio: a Roma, per lo sciopero di quattro ore indetto da Cobas, Cub, Usb, Faisa Cisal e Ugl, il servizio di bus, filobus, tram, metropolitane e ferrovie Roma-lido, Termini-Giardinetti e Roma-Civitacastellana-Viterbo sarà garantito solo nella fascia da inizio corse fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20. Possibili stop, invece, tra le 8.30 e le 17 e dalle 20 fino a fine servizio. Nella notte tra giovedì e venerdì, invece, potrebbero fermarsi le linee bus 'N'. Lo stop coinvolgerà anche i mezzi Cotral, per cui il servizio non sarà garantito dalle 8.30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio, e le ferrovie con possibili blocchi da mezzanotte alle 21 e dalle 10 alle 14.

Dulcis in fundo, sempre domani, sciopero dei Cobas settore scuola: altri disagi in vista.

Ultimo aggiornamento: 08:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA