Chiude l'albergo del calciomercato: i lavoratori protestano nell'ultimo giorno di affari della serie A - Guarda

Lunedì 1 Febbraio 2016

"Dentro fate i soldi, fuori facciamo la fame". La sintesi di un cartello esposto dai manifestanti è eloquente. I lavoratori del gruppo Ata Hotel hanno scelto l'ultimo giorno del calciomercato per manifestare davanti all'albergo che ospita le trattative. Un sit in con striscioni e bandiere davanti a decine di telecamere e tv.

Atahotel ha annunciato la chiusura di otto alberghi, di cui cinque nell'area milanese: lo stesso Executive sede del calciomercato estivo e invernale davanti alla stazione di Porta Garibaldi, il residence De Angeli, il residence Ripamonti, il residence Class e l'hotel Quark. La chiusura rischia di lasciare senza lavoro più di 400 persone: i 179 dipendenti e gli operatori di ristorazione e le addette alla pulizia e sanificazione delle camere (appaltato a società terze).

© RIPRODUZIONE RISERVATA