Nessuno dei compagni vuole dormire con lei,
bimba disabile non va in gita con la scuola

Venerdì 15 Aprile 2016

Gita annullata per una ragazzina disabile che frequenta una scuola media di Legnano (Milano): i compagni di classe, via WhatsApp si erano mandati messaggi spiegando che nessuno la voleva in camera.

'Ci dareste una responsabilità troppo grande’, hanno scritto. I genitori hanno parlato con gli insegnanti, c'è stato un consiglio di classe, hanno chiesto spiegazioni e incontri con i dirigenti. Ma la risposta che hanno avuto, raccontano, è stata una richiesta di pagare all'agenzia di viaggio una penale per la mancata partecipazione alla visita a Mathausen.

Una situazione di «discriminazioni e cyber bullismo», secondo la consigliera regionale 5 stelle Paola Macchi, su cui i genitori hanno scritto al provveditorato e al Ministero che ha inviato una lettera alla scuola e per conoscenza a loro.

PROVVEDITORATO, "SEGUIAMO IL CASO" Il provveditore di Milano, o meglio «l'ufficio scolastico Ambito Territoriale di Milano, nella persona del suo Dirigente», sta seguendo «con attenzione e la dovuta discrezione» la vicenda della ragazzina disabile studentessa alle medie a Legnano che, i genitori hanno denunciato, nessun compagno di classe voleva in camera nella gita scolastica. E questo, sottolinea l'ufficio in un comunicato, «in un contesto reso ancor più delicato dalla prematura scomparsa, proprio in questi giorni, della Preside dello stesso Istituto».

Ultimo aggiornamento: 17 Aprile, 09:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA