Messina Denaro, le mani del boss sull'olio doc
siciliano: sequestri per 20 milioni -Foto/Video

Lunedì 15 Dicembre 2014 di Giammarco Oberto
Messina Denaro, il sequestro dei beni

MILANO - Lavori edilizi in mezza Sicilia, parchi per lo sfruttamento dell’energia eolica, residence turistici da costruire per conto di Valtur, l’industrializzazione di Castelvetrano. E soprattutto il vecchio pallino di famiglia, la produzione di olio extravergine d’oliva.

Matteo Messina Denaro, u siccu, è da vent’anni tra i latitanti più ricercati del Pianeta, ma i suoi beni si vedono e si toccano e raccontano di una mafia impresa che ricicla e investe denaro alla luce del sole.

«Segui i soldi e troverai la mafia»: è la grande lezione di Falcone, il faro degli inquirenti che si occupano di Cosa Nostra. «Il contrasto patrimoniale è la via maestra per la lotta alla mafia» ha ribadito il generale Giancarlo Trotta, che guida le Fiamme gialle di Palermo. E seguendo i soldi ieri la guardia di finanza e i Ros dei carabinieri hanno portato a termine nel Trapanese, il feudo di Messina Denaro, un maxisequestro di beni per 20 milioni di euro contro otto soggetti della cerchia del latitante che strangolò e sciolse nell’acido nitrico il piccolo Giuseppe di Matteo e organizzò gli attentati del 1993 a Roma, Milano e Firenze.

C’è di tutto, tra i beni sequestrati che ora passeranno in amministrazione giudiziaria: tre società, 7 quote societarie, 4 ditte individuali, auto e mezzi industriali, un fabbricato industriale, abitazioni, terreni, fabbricati rurali, polizze assicurative, titoli azionari, rapporti bancari. E poi c’è il business che ruota intorno all’oleificio della società “Fontane d’oro sas”, intestata a due fratelli imprenditori ma in realtà diretta da uno dei fedelissimi della primula rossa, Francesco Luppino, che dava disposizioni dal carcere attraverso la moglie.​

I COMMENTI SU FACEBOOK








Ultimo aggiornamento: 16 Dicembre, 09:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA