Nell'azienda alimentare spunta una discarica abusiva

Venerdì 26 Febbraio 2016
Interrava i rifiuti e scaricava abusivamente i reflui, nei guai azienda alimentare di Guagnano.
All'interno della società operante nel settore della produzione e trasformazione di verdure e ortaggi i carabinieri hanno sequestrato un'area di 4mila metri quadri nella quale era stata realizzata una discarica abusiva di rifiuti speciali, parte dei quali pericolosi. Lo scavo era stato eseguito con mezzi meccanici a circa un metro e mezzo di profondità, all'interno contenitori di prodotti chimici per l'agricoltura, plastiche per la copertura delle serre, cassette per il trasporto della verdura e rifiuti lignei.

I militari del Noe, intervenuti su richiesta della stazione del Carabinieri di Guagnano, hanno anche riscontrato un'attività illecita di movimentazione del terreno, finalizzata a tombare altri rifiuti, al momento stoccati irregolarmente. Come se non bastasse, sempre all'interno della ditta era stato realizzato anche uno scarico abusivo per convogliare le acque provenienti dalla lavorazione, che andavano a scaricare nel corpo ricettore del canale “La Lacrima”, del consorzio di bonifica dell'Arneo. Al termine dell'ispezione sono stati denunciate tre persone: l'imprenditore e amministratore unico della società, il direttore industriale dello stabilimento anche responsabile della gestione dei rifiuti, nonché un operaio agricolo colto sul fatto mentre effettuava lo scavo. Le ipotesi di reato contestate sono esercizio di discarica abusiva, abusivismo edilizio e scarico non autorizzato di acque reflue.
© RIPRODUZIONE RISERVATA