Maria, stuprata e uccisa da un rifugiato: era la figlia di un alto funzionario della Unione europea

Lunedì 5 Dicembre 2016
Maria Ladenburger

Gli alti vertici tedeschi dell'Unione europea sono sotto choc perché la figlia 19enne di un funzionario è stata violentata e uccisa, secondo l'accusa, da un rifugiato di due anni più giovane. Maria Ladenburger era figlia di Clemens, dal 2008 assistente del capo dell'ala giuridica in Commissione Europea. Il ragazzo, un afgano che aveva raggiunto il paese l'anno scorso come minore non accompagnato, è stato arrestato in Germania.



La vittima è stata avvicinata dal suo aguzzino dopo aver lasciato una festa organizzata dagli studenti della sua università a Friburgo. Secondo le ricostruzioni degli inquirenti, la ragazza stava tornando verso casa in bicicletta, dove non è mai giunta e il corpo è stato trovato nel fiume Dreisam il giorno successivo. Maria era volontaria nel centro di accoglienza per migranti, ma non è ancora chiaro se abbia conosciuto lì il suo assassino.



La polizia è riuscita ad identificare il sospetto dai capelli e da una sciarpa nera rinvenuta sulla scena del delitto. I media tedeschi hanno riportato che l'uomo avrebbe confessato l'omicidio e che il processo dovrebbe iniziare il prossimo anno. 

Ultimo aggiornamento: 16:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA