Sofia Abramovich e i suoi fratelli: i "figli ricchi" russi si schierano contro Putin

Tra chi posta sui social contro la guerra anche i figli di uomini molto vicini al presidente russo

Giovedì 3 Marzo 2022
Sofia Abramovich e i suoi fratelli: in Russia i "royal baby" si schierano contro Putin

In Russia qualcosa sta cambiando. Almeno sui social. Gli influencer, i figli degli oligarchi e i personaggi pubblici si stanno unendo in una sorta di movimento anti-guerra. La paura per le ripercussioni sta lasciando spazio alla voglia di pace. Il caso di Sofia Abramovich, figlia di Roman che ha pubblicato un post contro Putin, ha aperto la strada ad altri "ribelli". Ma nella lista c'è anche la figlia di un portavoce del Cremlino e addirittura la figlia del mentore di Putin. 

 

 

 

 

Il movimento anti-Putin

In Russia il governo si svena per cercare di spiegare le ragioni dell'invasione all'Ucraina. Nel frattempo Maria Yumasheva, figlia 19enne del consigliere governativo Valentin Yumashev, ha mostrato solidarietà a Kiev per gli attacchi russi. Nella parte superiore del suo feed Instragram, che presenta una serie di immagini glamour, ha una foto della bandiera del paese. Accanto ad essa, ha scritto semplicemente «No alla guerra».

Abramovich media ai negoziati Russia-Ucraina di Gomel. Perché è stato invitato? E quali sono i suoi interessi?

Sofia Abramovich, figlia dell'ormai ex patron del Chelsea, Roman Abramovich, ha fatto eco alle opinioni. Ha detto ai suoi 50.000 follower che «la bugia più grande e di maggior successo della propaganda del Cremlino è che la maggior parte dei russi è con Putin». Ed Elizaveta Peskova, 24 anni, figlia del portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, ha postato «No alla guerra» su Instagram. Un'ora dopo quel post è sparito, ma non è sfuggito ai social. 

 

Ultimo aggiornamento: 4 Marzo, 00:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA