Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin e Lavrov, Ue pronta a congelarne i beni. Cosa vuol dire? E a quanto ammontano i patrimoni?

La misura del congelamento dei beni impone l’esame approfondito del patrimonio del presidente. Non un’operazione semplice

Putin, l'Unione Europea pronta a congelarne i beni. Ma cosa vuol dire? E a quanto ammonta il patrimonio? Gli scenari
Putin, l'Unione Europea pronta a congelarne i beni. Ma cosa vuol dire? E a quanto ammonta il patrimonio? Gli scenari
di Valeria Arnaldi
4 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Febbraio 2022, 16:36 - Ultimo aggiornamento: 26 Febbraio, 00:57

L’Europa si starebbe preparando a “congelare” i beni di di Vladimir Putin e del suo ministro degli esteri Sergei Lavrov. Questa, stando a indiscrezioni del Financial Times, sarebbe una delle misure incluse tra le sanzioni, che dovrebbero essere approvate nel pomeriggio. Oltre al congelamento dei beni, sarebbero previste misure contro banche e industrie russe. Nessun limite sarebbe, invece, stato ipotizzato per la possibilità di movimento di presidente e ministro.

La dichiarazione dei redditi di Putin

La misura del congelamento dei beni impone l’esame approfondito del patrimonio del presidente. Non un’operazione semplice. La dichiarazione dei redditi del 2019 di Putin ammontava a 8,6 milioni di rubli, ossia circa 119mila euro. Nel 2017, la cifra era ben più alta: 18,7 milioni di rubli, pari approssimativamente a 257mila euro. I dati ufficiali sono stati pubblicati sul sito del governo della Federazione Russa. La dichiarazione di Lavrov, invece, si attestava sui 100mila euro. Tra i beni dichiarati da Putin, anche un appartamento a San Pietroburgo. Nulla di lussuoso: 77 metri quadrati con garage. E non mancano due Volga d'epoca.

I dubbi sulla trasparenza

Contro la presunta “trasparenza”, però, nel tempo, più di un oppositore ha sollevato dubbi, contestando la credibilità dei dati. Le “prove” portate avanti dai detrattori sarebbero nello stile di vita di Putin, decisamente non in linea con quei numeri. Insomma, al di sopra delle “possibilità”, quantificate dalla Dichiarazione. Tra le proprietà più “visibili” del presidente russo, sicuramente, una collezione di orologi del valore di vari milioni di euro. Un esemplare per tutti, il Lange & Söhne Tourbograph, del valore di circa 500mila euro. È stato proprio Putin a mostrare più di uno dei suoi “tesori” al polso. Senza trascurare quelli che ha regalato, a favore di telecamera, per dare una misura della sua generosità e dell’attenzione verso il prossimo.

Putin «incapace di ragionare per gli effetti del Long Covid». La teoria social (non confermata) diventa virale

Le inchieste

Nel corso degli anni e delle inchieste sono state avanzate più ipotesi in merito ai suoi beni. Un’inchiesta del 2016, condotta nell’ambito dei Panama Papers, ha portato la Novaya Gazeta a sostenere che gran parte dei beni di Putin fosse intestata ad amici e parenti. Il team di Alexei Navalny, in un'altra inchiesta pubblicata su YouTube, inoltre, ha segnalato come proprietà di Putin un lussuoso palazzo sulla costa est del Mar Nero, vicino a Gelendzhik, di circa 18mila metri quadrati, per un valore stimato in oltre un miliardo di euro. I dati ufficiali raccontano un’altra storia, fatta di qualche investimento, poche proprietà e stipendio. Nel 2017, però, Bill Browder, per lungo tempo alla guida dell’Hermitage Capital Management, importante fondo di investimenti in Russia, indicò Putin come una delle persone più ricche del mondo, stimando il suo patrimonio in circa 200 miliardi di dollari.

© RIPRODUZIONE RISERVATA