Putin «come Hitler nel '45»: dai briefing all'odio per il web, le paranoiche giornate dello Zar

Putin «come Hitler nel '45»: dai briefing all'odio per il web, le paranoiche giornate dello Zar
Putin «come Hitler nel '45»: dai briefing all'odio per il web, le paranoiche giornate dello Zar
di Francesco Malfetano
4 Minuti di Lettura
Sabato 21 Maggio 2022, 16:00 - Ultimo aggiornamento: 20:31

C'è un dettaglio che accomuna tutti i resoconti degli ultimi 30 anni di viaggi di Vladimir Putin in giro per il mondo: l'ossessione per la sua sicurezza. Da sempre infatti, il presidente russo è impegnato a programmare assieme ai fedelissimi servizi segreti ogni singolo aspetto della sua vita. Qualche esempio? La scorta composta anche da 18 auto blindate. Oppure la presenza costante di ambulanza al suo seguito. Ma anche il celebre tavolo da 4 metri impiegato durante i confronti nei giorni più caldi a cavallo dell'inizio del conflitto in Ucraina. O la leggendaria squadra di assaggiatori personali che lo accompagna ovunque. Un'ossessione in pratica che oggi, a causa della sanguinosa invasione che lui stesso ha ordinato, pare aver raggiunto i suoi picchi più alti. Al punto che secondo il Daily Mail alcuni comportamenti dell'ex agente del Kgb ricorderebbero da vicino quelli di un altro dittatore sanguinario: Adolf Hitler.

Ucraina, Berlusconi fa marcia indietro: «È il Paese aggredito, dobbiamo aiutarlo a difendersi»

Putin, l'ufficio

E così Putin frequenta sempre meno spesso il Cremlino, preferendo gestire il Paese dalla sua maestosa tenuta estiva nel sobborgo di Novo-Ogaryovo, un quartiere esclusivo a ovest di Mosca. Lì è asserragliato con un suo staff indipendente dal Cremlino, le sue guardie del corpo personale e un'intera squadra di assaggiatori di cibo. Vale a dire che chiunque altro abbia intenzione di incontrarlo deve recarsi nella villa, senza peraltro alcuna garanzia di essere ricevuto. Tant'è che, spiega il quotidiano inglese, per mesi il presidente dell'ex Urss ha preferito non incontrare molti tra i suoi ministri e consiglieri. Una situazione che per Mark Galeotti, analista esperto di Russia, ricorderebbe da vicino quella vissuta da Hitler nei suoi ultimi giorni. «Naturalmente - si legge - i nemici di Putin non sono alle porte di Mosca come lo erano quelli di Hitler a Berlino, ma ci sono dei parallelismi nel rifiuto di entrambi i leader di ascoltare i propri consiglieri e nella loro insistenza nel dirigere manovre militari nonostante non abbiano l'esperienza per farlo».

Putin e la sua maestra Vera, la donna che gli fece da madre e che può fermare lo Zar in Ucraina

Putin, i briefing
Non solo. La paranoia sviluppata da Putin si concretizza anche nel non fidarsi affatto del web, preferendo gestire tutto attraverso documenti cartacei. A farla padrone - durante la riunione del mattino, immediatamente successiva ad una sveglia che suona piuttosto tardi e ad una nuotata - sono quindi i rapporti militari, poi i documenti dell'SFV, il servizio di intelligence, che gli raccontano cosa sta succedendo a livello internazionale; poi il rapporto dell'FSB, il servizio di sicurezza federale, su quanto sta accadendo all'interno della Russia; e infine un riassunto delle azioni dell'élite russa - i suoi oligarchi, amici e nemici allo stesso modo - dall'UST, il servizio di protezione federale. Solo a quel punto, acquisiti tutti i dettagli della giornata, Putin decide se e con chi vuole parlare, finendo sempre più spesso per isolarsi in una bolla che - secondo gli osservatori - finisce con il distorcere ulteriormente la sua visione del conflitto.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA