Putin, chi sono gli uomini al suo servizio? Il rapporto di Navalny: 6mila nomi, c'è anche l'italiano Lanfranco Cirillo

L'architetto di Brescia, indagato in Italia per evasione fiscale, avrebbe progettato il palazzo dello zar sul Mar Nero, dal valore di un miliardo di dollari

Giovedì 28 Aprile 2022
Putin, chi sono gli uomini al suo servizio? Seimila svelati in un rapporto di Navalny. C'è anche l'italiano Lanfranco Cirillo

La piramide del potere in Russia è formata da migliaia di persone. All'apice c'è, ovviamente, Vladimir Putin. Ma sotto di lui c'è una vera e propria catena di montaggio, che opera su più livelli per garantire il successo del governo dello zar e mantenerlo vivo negli anni. Sarebbero seimila persone, secondo un rapporto diffuso ieri dalla fondazione anti-corruzione dell'oppositore Alexei Navalny, che anche dalla prigione continua a guidare il suo team che giornalmente sfida il Cremlino. Tra di loro anche un italiano, l'architetto Lanfranco Cirillo che ha progettato il «palazzo di Putin», la villa segreta dello zar da un miliardo di euro che affaccia sul Mar Nero. 

 

«Guerra nucleare? Inevitabile, ma almeno noi andremo in paradiso»: propaganda choc sulla tv di stato russa

Usa-Russia, mappe segrete sui nuovi confini ucraini: Crimea e tutto il Donbass passerebbero a Mosca

 

L'élite della Russia, chi sono

Navalny ha svelato uno dopo l'altro i nomi dei seimila collaboratori di Putin, chiedendo sanzioni all'Occidente. Attualmente solo 900 di loro sarebbero nella black list dei Paesi contro la Russia. «Non è mai successo che si pensi a sanzioni per 6mila persone? Se è per questo non c'è mai stata nemmeno una guerra in Ucraina. Tempi estremi richiedono soluzioni estreme. Vogliamo essere sicuri che tutti i responsabili della guerra siano chiamati a rispondere delle loro responsabilità», le parole del braccio destro di Navalny Leonid Volkov. 

Militari, uomini della sicurezza, funzionari, professionisti e naturalmente gli ormai famigerati oligarchi. Tutti catalogati per categorie. Per ognuno sono segnalate proprietà da congelare e lavori effettuati per lo zar. C'è il tedesco Matthias Warnig, ex spia della Stasi a cui Putin ha affidato la presidenza del Gasdotto North Stream 2, ma anche l'astronauta Valentina Tereskova, 84 anni, prima donna a viaggiare nello spazio nell'ormai lontano 1963 (che avrebbe delle proprietà in Italia). Oltre a loro, anche i familiari, che molto spesso fanno da prestanome per tenere al sicuro le proprietà. Vengono segnalati i beni della cognata del ministro della Difesa Shoigu, ma anche quelli della mamma del presidente della Duma Viacheslav Volodin.

Gli elenchi sono divisi in varie categorie: si va dagli uomini degli apparati della sicurezza ai militari, fino ai funzionari corrotti. Molti nomi sono scontati e già oggetto di provvedimenti da parte di Europa e Stati Uniti. Altri sono più sorprendenti. Tra i potenziali «sanzionandi», c'è perfino un italiano: Lanfranco Cirillo, l'architetto dell'ormai famoso «palazzo di Putin», gioiello miliardario sulle rive del Mar Nero. Cirillo, che ha anche la cittadinanza russa, vive gran parte del suo tempo a Mosca, da dove gestisce le sue attività immobiliari e finanziarie attraverso delle società cipriote.

 

 

Chi è Lanfranco Cirillo

Il nome di Lanfranco Cirillo è già balzato alle cronache, proprio per il suo legame con Putin. Bresciano con cittadinanza russa, vive soprattutto a Mosca. Secondo le accuse, tra il 2013 e il 2019 avrebbe sottratto al Fisco italiano circa 50 milioni di euro. L'indagine nei suoi confronti  stata avviata dalla Procura di Brescia. Nella sua abitazione sono state sequestrate opere d'arte di Picasso, Cezanne e De Chirico, oltre a un elicottero che Cirillo stesso pilotava per i suoi spostamenti. In cambio del suo lavoro sul palazzo di Putin, lo zar gli avrebbe donato una lussuosa casa, confinante con la struttura sulle coste del Mar Nero. l'architetto si è sempre dichiarato indipendente da Putin e non legato agli oligarchi russi. 

 

 

Ultimo aggiornamento: 29 Aprile, 09:30 © RIPRODUZIONE RISERVATA