Putin: «​Attueremo i nostri piani, fermeremo il genocidio in Donbass». Poi cita la Bibbia

Ecco la posizione della Russia secondo lo Zar

Putin e la guerra in Ucraina, alle 13 il discorso alla nazione: parole e significato
Putin e la guerra in Ucraina, alle 13 il discorso alla nazione: parole e significato
3 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Marzo 2022, 12:44 - Ultimo aggiornamento: 14:41

Vladimir Putin tiene un discorso alla nazione (ore 13 circa) sulla guerra in Ucraina. Lo fa dallo stadio Luzniki, dove sono riunite migliaia di persone in occasione dell'ottavo anniversario dell'annessione della Crimea alla Russia. Un vero e proprio spettacolo con musica ed esibizioni, con moltissimi presenti con la ormai celebre «Z» sul petto. «Abbiamo risollvato la Crimea dal degrado e dall'abbandono, dalle condizioni pessime in cui versavano», ha detto. «Abbiamo fatto risorgere questi territori» della Crimea e «sappiamo esattamente cosa fare adesso, come, a spese di chi e attueremo tutti i nostri piani». Lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin in un evento pubblico a Mosca.

Putin teme di essere avvelenato: via mille persone dallo staff, ora ha un team di assaggiatori

Ucraina, soldati inesperti e defezioni, lo stallo delle truppe russe. «Già settemila perdite»

«Sono gli abitanti della Crimea che hanno fatto la scelta giusta, hanno messo un ostacolo al nazionalismo e al nazismo, che continua ad esserci nel Donbass, con operazioni punitive di quella popolazione. Sono stati vittime di attacchi aerei ed è questo che noi chiamiamo genocidio. Evitarlo è l'obiettivo della nostra operazione militare» in Ucraina, ha detto. 

 

Putin cita la Bibbia

Il presidente russo Vladimir Putin nel suo intervento allo stadio di Mosca, gremito di bandiere e inni in occasione dell'ottavo anniversario dell'annessione della Crimea, ha citato anche la Bibbia: «Non c'è amore più grande di dare la propria vita per i propri amici», ha scandito lo zar.

© RIPRODUZIONE RISERVATA