Perché il 9 maggio è così importante per la Russia? «Putin vuole fare la parata della vittoria a Mariupol»

Quel giorno si celebra la Giornata della Vittoria, in memoria della sconfitta della Germania nazista al termine della seconda guerra mondiale

«Putin vuole fare la parata della vittoria a Mariupol». Perché la data del 9 maggio è così importante per la Russia?
«Putin vuole fare la parata della vittoria a Mariupol». Perché la data del 9 maggio è così importante per la Russia?
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 13 Aprile 2022, 11:38 - Ultimo aggiornamento: 20:16

Mentre l'assedio di Mariupol prosegue senza sosta, Vladimir Putin avrebbe già progettato una grande parata nella città portuale sul mar d'Azov per festeggiare il 9 maggio. Lo sostiene Petro Andryushchenko, consigliere del sindaco, in un messaggio su Telegram citato da Ukrinform: «Secondo le nostre informazioni, a Ivashchenko (l'autoproclamato sindaco filo-russo di Mariupol) è stato ordinato di ripulire parte del distretto centrale della città dai detriti e dai cadaveri per permettere la sfilata del 9 maggio. Tutto indica che gli occupanti vogliano organizzare un "carnevale della vittoria", in caso di successo».

Medvedchuk, chi è l'oligarca catturato da Kiev: «marionetta» di Putin, voleva rubare la poltrona a Zelensky

L'obiettivo di Putin sarebbe quello di portare a casa entro il 9 maggio almeno uno degli obiettivi dichiarati all'inizio del conflitto. Fallito il tentativo di prendere Kiev, le forze russe stanno ora concentrando gran parte delle proprie risorse nella regione del Donbass, ma cercheranno anche di espugnare Mariupol nel più breve tempo possibile. In altre parole, Putin ha deciso di intensificare gli sforzi dell'esercito, ammassando truppe nelle aree vicine ai nuovi obiettivi, perché non vuole arrivare all'importante evento «a mani vuote». E il tempo stringe.

 

Perché la data del 9 maggio è così importante per la Russia?

Ma perché proprio il 9 maggio? Quel giorno, come ogni anno, in Russia si celebra la Giornata della Vittoria, in memoria della sconfitta della Germania nazista al termine della seconda guerra mondiale. Durante il periodo dell'Unione Sovietica, il 9 maggio era festeggiato in tutti i paesi del blocco orientale: il tema della guerra, ed in particolare quello della lotta contro il nazismo, ha rappresentato un elemento fondante dell'identità nazionale sovietica in quegli anni. Non è un caso, quindi, che Putin all'inizio del conflitto ucraino, parlando degli obiettivi della «operazione speciale», utilizzò proprio il verbo «denazificare». 

Lo zar vuole arrivare alla parata militare in Piazza Rossa con un successo fra le mani. Scartata ormai l'ipotesi di poter brandire una vittoria totale in Ucraina, Putin si accontenterebbe di fregiarsi della «liberazione» del Donbass. Non il bottino che immaginava all'inizio del conflitto, quando credeva di poter risolvere la questione con una «guerra lampo», ma comunque qualcosa per poter mostrare un'immagine vincente al popolo russo in occasione del 9 maggio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA