Marines, 103 congedati perché rifiutavano il vaccino (e altri 30.000 potrebbero seguire la stessa sorte)

Marines, 103 congedati perché rifiutavano il vaccino (e altri 30.000 potrebbero seguire la stessa sorte)
Marines, 103 congedati perché rifiutavano il vaccino (e altri 30.000 potrebbero seguire la stessa sorte)
3 Minuti di Lettura
Venerdì 17 Dicembre 2021, 15:22 - Ultimo aggiornamento: 17:35

Centotré marines sono stati dimessi per aver rifiutato di prendere il vaccino Covid, ha comunicato giovedì il Corpo dei Marines. Le forze armate Usa hanno dimesso nel complesso 30.000 membri del servizio attivo che ancora rifiutano di essere vaccinati - anche dopo molteplici opportunità di farlo oltre le scadenze di vaccinazione.

Roma, giudice reintegra infermiera No vax ma la Asl farà ricorso

Alla fine di agosto, il segretario alla Difesa Lloyd Austin ha ordinato che il vaccino diventasse obbligatorio per tutto il personale militare statunitense; fino a quel momento era stato volontario. I corpi militari hanno rapidamente stabilito le proprie date di scadenza e hanno avvertito i membri del servizio che avrebbero potuto essere dimessi se non fossero stati vaccinati, il che è in linea con la posizione del Pentagono secondo cui la scelta di rimanere non vaccinati è una violazione di un ordine legale di Austin.

Sara Cunial No vax, respinto il ricorso. «Alla Camera si entra solo con il Green pass»

Mentre la percentuale di personale in servizio attivo vaccinato in ciascun corpo è pari o superiore al 95%, il numero di personale non vaccinato è vicino alle 30.000 unità. All'inizio di questa settimana, l'Air Force è stata la prima a rendere pubblico di aver seguito l'avvertimento, annunciando che 27 aviatori avevano ricevuto congedo amministrativo. Secondo gli ultimi numeri forniti dall'Aeronautica e dalla Marina, 7.365 aviatori e 5.472 marinai sono non vaccinati, rifiutando a titolo definitivo il vaccino o in attesa dell'elaborazione delle richieste di esenzione amministrativa, medica o religiosa. Il Corpo dei Marines ha dichiarato giovedì che il 95% della sua forza in servizio attivo di 182.500 Marines ha ricevuto almeno un vaccino contro il covid, la percentuale più bassa tra i servizi militari.

Il corpo dei Marines ha approvato 1.007 esenzioni mediche e amministrative e sta ancora elaborando 2.863 delle 3.144 richieste di esenzione religiosa. L'esercito ha annunciato giovedì che quasi il 98% dei suoi 478.000 soldati in servizio attivo è stato vaccinato, il che significa che quasi 10.000 soldati si sono rifiutati di prendere il vaccino a titolo definitivo o hanno chiesto esenzioni. L'esercito ha detto che 3.864 soldati hanno rifiutato a titolo definitivo il vaccino mentre altri 6.263 sono in attesa dell'elaborazione delle loro richieste di esenzione. La maggior parte dei membri del servizio che rimangono non vaccinati ha cercato esenzioni religiose, ma nessuno dei servizi deve ancora approvare un'esenzione per motivi religiosi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA