L'Italia invia i Tornado all'esercitazione Nato in Grecia per «aumentare la prontezza al combattimento»

L'aeronautica si è unita all'esercitazione Iniochos 22 mandando i jet utilizzati in Libia nel 2011 per far rispettare la no-fly zone, con funzione di soppressione delle difese aeree nemiche.

I jet Nato volano sulla Grecia: i Tornado italini partecipano all'esercitazione per «aumentare la prontezza al combattimento»
​I jet Nato volano sulla Grecia: i Tornado italini partecipano all'esercitazione per «aumentare la prontezza al combattimento»
3 Minuti di Lettura
Martedì 5 Aprile 2022, 17:33 - Ultimo aggiornamento: 6 Aprile, 00:09

L'esercitazione dei jet Nato in Grecia ha un aspetto diverso, nel momento in cui l'Occidente e la Russia toccano vette di tensione mai così alte dai tempi della guerra fredda. Da qualche giorno sulla costa ovest ellenica gli aerei degli alleati si alzano in volo e lavorano per 10 ore consecutive per «aumentare la prontezza al combattimento», si legge in un comunicato ufficiale della Nato.

L'esercitazione annuale Iniochos 22, arrivata alla sua settima edizione, è cominciata il 28 marzo scorso e durerà fino all'8 aprile. La base scelta è quella di Andravida, nel Peloponneso. L'esercitazione si svolge su invito. Le forze aeree greche mandano le richieste agli alleati, che possono decidere se partecipare o meno. Quest'anno, tra le novità c'è anche l'Italia, che si è unita a Francia, Slovenia, Stati Uniti e Cipro. Albania, Egitto, Austria, Macedonia del Nord, Regno Unito, India, Canada, Croazia, Kuwait, Marocco e Arabia Saudita partecipano invece come osservatori.

Navi da guerra russe puntano lo Ionio, pressione sulla flotta Nato: cosa succede nel Mediterraneo

Carri armati «dei sovietici inviati agli ucraini»: la mossa della Repubblica Ceca per aiutare Kiev

I Tornado per la no-fly zone

L'aeronautica italiana ha inviato i suoi "Tornado", caccia multiruolo in dotazione anche alla Raf (Gran Bretagna) e alla Lutwaffe (Germania), utilizzati nel 2011 in Libia per far rispettare la no-fly zone, con funzione di soppressione delle difese aeree nemiche. Le missioni cominciano tutti i giorni alle 9 e durano fino alle 19.

Nelle esercitazioni sono previste operazioni offensive di contrattacco, operazioni di difesa aerea, contributo della forza aerea alle operazioni a terra e il contributo della forza aerea alle operazioni marittime, missioni RECCE, missioni di ricerca e salvataggio in combattimento, missioni bersaglio sensibili al tempo e missioni di asset aviotrasportati di alto valore. Questa missione arriva dopo quella in Norvegia (Cold Response 2022), che ha coinvolto circa 35 mila soldati Nato arrivati da 20 Paesi alleati.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA