Luhansk, colpito un serbatoio di acido nitrico, avvertimento alla popolazione: «Non uscite dai rifugi e indossate maschere anti gas»

La raccomandazione per chi vive in quei territori ora è di non uscire dai rifugi e di chiudere porte e finestre

Luhansk, colpito un serbatoio di acido nitrico, avvertimento alla popolazione: «Non uscite dai rifugi e indossate maschere anti gas»
Luhansk, colpito un serbatoio di acido nitrico, avvertimento alla popolazione: «Non uscite dai rifugi e indossate maschere anti gas»
3 Minuti di Lettura
Martedì 5 Aprile 2022, 18:47 - Ultimo aggiornamento: 20:04

A Luhansk, al confine orientale dell'Ucraina, nel Donbass, si sono intensificati i combattimenti ed è stato colpito e danneggiato un serbatoio di acido nitrico. È successo nella città di Rubizhne durante i bombardamenti degli occupanti russi. Lo denuncia il Commissario per i diritti umani dell'Ucraina Lyudmila Denisov

Da stamattina è stata notata una nube di fumo rosso proveniente proprio dal serbatoio contenente sostanze tossiche. Non è possibile attribuire la responsabilità dell'esplosione mirata alla cisterna: le parti si accusano l'una con l'altra. La raccomandazione per chi vive in quei territori ora è di non uscire dai rifugi e di chiudere porte e finestre. 

Una guerra nucleare o batteriologica è possibile? Ecco tutte le armi in possesso di Putin (e le tragiche conseguenze)

«L'acido nitrico infatti è pericoloso se inalato, a contatto con la pelle e le mucose - si raccomanda ancora - Anche un lieve avvelenamento con questa sostanza può causare bronchite e perdita di coscienza, edema polmonare. Il contatto con gli occhi minaccia la perdita della vista, l'effetto dell'acido sulla pelle può causare eczema, e ad alte concentrazioni ustioni», si legge nelle raccomandazioni. In qeusti casi, inoltre, è bene «proteggere il sistema respiratorio con una maschera antigas, un respiratore o una benda di garza di cotone e la pelle».

Ucraina, Putin minaccia di usare piccole testate nucleari. Peskov: «Sì se la nostra esistenza è minacciata»

La preoccupazione è che i locali dove si rifugiano i civili ora siano raggiunti dalle sostanze tossiche: «In assenza di dispositivi di protezione individuale non si deve uscire all'aperto. Per evitare che l'aria entri nella stanza dall'esterno, è necessario chiudere ermeticamente le finestre e le porte, sigillare gli spazi vuoti nei telai di finestre e porte».

Il Commissario Denisov sottolinea che gli attacchi chimici o gli attacchi a infrastrutture critiche come questo serbatoio o le centrali nucleari rappresentano una violazione delle Convenzioni di Ginevra del 1949.

«A Rubizhne, nella regione di Luhansk, le truppe russe hanno colpito un serbatoio con acido nitrico», ha detto su Telegram David Arakhamia, un membro del team di negoziazione dell'Ucraina nei colloqui di pace con la Russia. Il governatore della regione di Luhansk Serhiy Haidai ha detto ai residenti in un messaggio su Facebook: Non lasciate i rifugi antiatomici. Se siete in casa - chiudete le finestre e le porte». 

Rischio guerra nucleare, maschere e divise si producono ad Aprilia: così proteggono da attacchi chimici e batteriologici

© RIPRODUZIONE RISERVATA