Coronavirus, 4 casi sospetti in Scozia. Cina, primo morto fuori da epicentro di Wuhan

Giovedì 23 Gennaio 2020
Coronavirus, casi sospetti in Scozia e Francia. Pechino cancella il Capodanno cinese, 4 città isolate

Continua l'allarme per il coronavirus: mentre in Cina sono 17 i morti accertati, spuntano i primi casi sospetti in Europa: quattro in Scozia e uno in Francia (poi rientrato).

LEGGI ANCHE Virus Cina, atterrati a Roma 200 passeggeri da Wuhan

La Cina, intanto, registra il primo decesso causato dal coronavirus in un'area al di fuori dell'epicentro di Wuhan. In Cina, oltre ai 17 morti, i casi di contagio confermati sono 571, come confermato dalle autorità sanitarie, e altri 393 casi sospetti sono in fase di verifica. Le autorità della provincia cinese di Hubei hanno deciso di "isolare" Chibi, quarta città interessata dai provvedimenti restrittivi destinati a limitare i rischi di diffusione del coronavirus. Finora le limitazioni riguardavano Wuhan, Huanggang e Ezhou, con la sospensione del trasporto pubblico e dei collegamenti verso altre località. Le restrizioni saranno in vigore a partire dalla mezzanotte. La città di Chibi ha circa mezzo milione di abitanti ed è situata 120 chilometri circa a sud di Wuhan.

Per quanto riguarda i casi sospetti in Scozia, si tratta di persone tutte giunte in questi giorni nel Regno Unito con un volo da Wuhan, la città cinese epicentro dell'epidemia che ha collegamenti aerei tri-settimanali con Londra, come conferma l'agenzia Pa. Sono state ricoverate sulla base di sintomi sospetti e problemi respiratori.

La ministra della Salute francese, Agnes Buzyn, ha dichiarato stasera che «nessun caso sospetto» è stato al momento accertato in Francia. «Due casi sono stati esaminati - ha precisato la ministra parlando con i giornalisti - ma si sono rivelati negativi».

CHIUSA LA CITTA' PROIBITA A PECHINO
Le autorità cinesi hanno chiuso anche la Città Proibita di Pechino a causa dei timori per il coronavirus. Annullati i festeggiamenti per il Capodanno. Bloccato il traffico dei treni in tre città. Anche Macao ha cancellato tutte le celebrazioni del capodanno cinese, dopo che è stato accertato un secondo caso di coronavirus in un uomo di 66 anni. A Fiumicino sono passati in un canale sanitario dedicato 202 viaggiatori in arrivo da Wuhan, ai quali sono state applicate per la prima volta le procedure contro la diffusione del contagio. Stanno tutti bene. Attese le decisioni dell'Oms. Non ha un'infezione da coronavirus l'uomo ricoverato a San Pietroburgo. Il virus si sarebbe ricombinato e sarebbe arrivato all'uomo dai serpenti dopo la trasmissione dai pipistrelli.

Cina, isolata la città di Huanggang. Come riportano i media locali, le autorità hanno tra l'altro disposto la chiusura di cinema e internet caffè, chiedendo alla popolazione di non lasciare la città se non in circostanze particolari. Huanggang, città della provincia di Hubei con sette milioni di abitanti, dista circa 70 km da Wuhan. Disposta inoltre lo stop ai treni a Ezhou, altra città nella stessa zona con una popolazione di oltre un milione di persone. Centinaia di voli da o per Wuhan sono stati cancellati a partire da mezzogiorno (ora di Pechino) di oggi.

L'Amministrazione dell'Aviazione Civile della Cina comunica che un totale di 566 voli erano programmati in partenza o in arrivo a Wuhan oggi, ma 288 di questi sono stati cancellati alle 11:30 (ora di Pechino) del mattino. A partire dalle 10:00, inoltre, tutti i trasporti pubblici, compresi i bus urbani, le metropolitane, i traghetti e le corse interurbane sono stati sospesi, e anche le tratte in uscita dagli aeroporti e dalle stazioni ferroviarie sono state chiuse fino a nuovo avviso.

Virus Cina, si è trasmesso all'uomo dai serpenti attraverso una mutazione genetica

In 202 sbarcati a Fiumicino da Wuhan. È atterrato a Roma con un'ora di anticipo il volo proveniente da Wuhan, città cinese focolaio del coronavirus che sta mettendo il mondo in allarme. Gli ultimi cittadini a uscire dalla provincia centro-orientale di Hubei sono stati i 202 passeggeri sbarcati questa mattina all'alba all'aeroporto Leonardo da Vinci di Fiumicino. A loro sono state applicate per la prima volta le procedure disposte dalle autorità dopo la diffusione del contagio, che hanno dato esito negativo. Nessuno di loro aveva i sintomi dell'influenza.

Virus Cina, atterrati a Roma 200 passeggeri da Wuhan. Isolata anche la città di Huanggang, i morti salgono a 24

Caso sospetto in Brasile. Scatta l'allerta per il coronavirus anche in Brasile: ieri è stata ricoverata a Belo Horizonte una donna con problemi respiratori proveniente dalla Cina e le autorità dello Stato di Minas Gerais lo hanno catalogato tra i casi sospetti, nonostante il governo federale abbia nel frattempo escluso l'esistenza del problema. «Non è stato individuato nessun caso sospetto di polmonite indeterminata in Brasile legato all'evento della Cina», ha affermato il ministero della Sanità.

 

Ultimo aggiornamento: 19:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA