Coronavirus, diretta: da domani mascherine per tutti i sanitari. Chiuse Calabria e Basilicata: vietato entrare e uscire. L'Europa supera i 150mila casi. Germania, vietati i contatti

Domenica 22 Marzo 2020
Coronavirus, diretta: chiusa la Calabria: vietato entrare e uscire. L'Europa supera i 150mila casi

Coronavirus, mentre in Italia i casi sono auntati di oltre quattromila in poche ore, portando a quota 53.578, gli Stati Uniti con 25.493 superano la Spagna e diventano il terzo Paese per numero di contagiati, dopo Cina e Italia. Nel giro di 24 ore sono stati registrati circa 8.000 nuovi casi. Il numero di morti è di 307. Sono più di 150mila i casi di coronavirus ufficialmente diagnosticati in Europa, secondo un conteggio della Afp.​

Le mascherine. «Da domani o martedì al massimo tutte le regioni avranno mascherine per medici, operatori sanitari e malati. A partire dalla settimana successiva contiamo di dare poi a tutti gli italiani i dispositivi di protezione individuale». Lo ha detto Domenico Arcuri, commissario straordinario al'emergenza coronavirus, nel programma «Mezz'ora in più» su Rai 3.

La Basilicata chiude. È in fase di pubblicazione sul Bollettino ufficiale l'ordinanza n.10 del presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, con la quale si adottano ulteriori misure restrittive per ridurre il contagio da Covid - 19. Fra le misure previste il divieto di spostamento delle persone in entrata e in uscita dalla regione, ad eccezione di comprovate esigenze lavorative dirette a garantire l'erogazione dei servizi pubblici essenziali o di gravi motivi di salute. La violazione di quanto disposto comporta l'obbligo del trasgressore di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario insieme a tutti i conviventi. Inoltre su tutto il territorio regionale è vietato a chiunque di allontanarsi dal proprio domicilio. Le disposizioni hanno efficacia da oggi e resteranno in vigore fino al 3 aprile.

A Roma 18 nuovi positivi. «Al Nomentana Hospital sono stati registrati 18 casi positivi, attivato isolamento e sorveglianza del personale». Lo rende noto l'Asl Roma 5 nel bollettino odierno dell'assessorato alla Sanità della Regione Lazio. Sono 19 i nuovi casi positivi nel territorio dell'azienda sanitaria, 774 persone sono usciti dalla sorveglianza. «Dal 28 marzo disponibili ulteriori 14 posti di terapia intensiva», conclude l'Asl Roma 5.

La Germania si ferma. Lo Stato federale e i Laender tedeschi vogliono imporre il divieto dei contatti in Germania per contrastare il diffondersi del contagio da coronavirus. E' quello che emerge, secondo la Dpa, dalla teleconferenza fra la cancelliera Angela Merkel e i ministri-presidenti delle regioni. Stando all'agenzia, saranno proibiti raggruppamenti di oltre 2 persone, ad eccezione delle famiglie. Vogliono anche chiudere immediatamente ristoranti e trattorie, laddove questo non è ancora avvenuto in Germania. Saranno chiusi inoltre anche parrucchieri, centri di cosmetica, negozi per tatuaggi e centri per massaggi, che erano ancora aperti. La misura è stata confermata in conferenza stampa dal presidente del Nordreno-Verstfalia Armin Laschet.

Emirates non vola più. La compagnia aerea Emirates sospenderà tutti i voli passeggeri a partire da mercoledì a causa della pandemia di coronavirus. «Questo passo pragmatico ma doloroso aiuterà Emirates Group a mantenere la sostenibilità del business e mantenere i posti di lavoro nel mondo, evitando tagli», ha detto la compagnia di Dubai.

Coronavirus, riabilitate le auto: azzerato il traffico, ma l'inquinamento aumenta
Coronavirus, Conte: «Chiuse fino al 3 aprile le attività produttive non necessarie. Aperti alimentari, farmacie, edicole, Poste, banche e tabaccherie»

Svizzera supera i settemila casi. I casi di coronavirus registrati in Svizzera sono saliti a 7014. Nelle ultime 24 ore sono stati segnalati oltre 2000 nuovi contagi, secondo l'ultimo bilancio dell'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp). I decessi legati al Covid-19 sono 60, 17 in più di ieri. In Ticino si registrano 939 contagi, 37 decessi (15 in più rispetto a ieri), si legge sulla pagina internet ticinese. Tutti i cantoni e il Liechtenstein sono interessati dalla malattia. I più colpiti sono il Ticino, con un'incidenza di 263,5 casi ogni 100.000 abitanti, davanti a Vaud (205,8) e Basilea Città (203,8). Gli adulti sono molto più spesso infettati rispetto ai bambini. L'infezione colpisce sia le donne che gli uomini, ma gli uomini sono più sovente malati a partire dai 60 anni. Da 0 a 100 anni, tutte le fasce di età sono interessate.

Santelli chiude la Calabria. «Ho appena firmato una ordinanza che prevede, con decorrenza immediata e fino al 3 aprile 2020, il divieto di ogni spostamento delle persone fisiche in entrata e in uscita dal territorio regionale. Si potrà entrare o uscire dalla Calabria solo per spostamenti derivanti da comprovate esigenze lavorative legate all'offerta di servizi essenziali oppure per gravi motivi di salute. Ai trasgressori si applica la misura immediata della quarantena obbligatoria per 14 giorni». Lo rende noto Jole Santelli, presidente della Regione Calabria.

Task force di 7923 medici. Sono state 7923 le persone che hanno aderito all'appello per una task force di 300 medici che aiuteranno gli ospedali più colpiti dall'emergenza coronavirus. È il dato definitivo della "chiamata" che si è chiusa ieri alle 20. Al via l'esame delle candidature. I primi medici potrebbero essere operativi già domani, in Lombardia e a Piacenza. L'appello era stato lanciato dal ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia. «Ringraziamo tutti i medici che, su base volontaria, hanno aderito all'iniziativa», si legge sul sito della Protezione civile.

Positivo il sindaco di Cremona Galimberti. Il sindaco di Cremona, Gianluca Galimberti, è positivo al coronavirus e in quarantena. Lo annuncia lui stesso su Facebook. «Ho febbre e un pò di tosse e raffreddore, ma non ho problemi respiratori e spero di non averne anche nei prossimi giorni. Devo tenermi monitorato e rallentare i ritmi perché non sono in forma, ma continuo a lavorare dalla nostra casa, in quarantena, per la città, in contatto con la squadra della Giunta e del Comune che ringrazio infinitamente, con le altre Istituzioni, con Governo, Regione e gli altri sindaci» ha scritto.

Aiuti russi in Italia. Le forze aerospaziali russe hanno completato la formazione del contingente necessario per trasportare in Italia otto brigate mobili di medici militari, veicoli speciali per la disinfezione e altre attrezzature mediche, così come annunciato dal presidente russo Vladimir Putin al premier Giuseppe Conte. Lo riporta il ministero della Difesa russo in una nota. Si tratta di 9 velivoli da trasporto IL-76, che decolleranno a breve. I dettagli dell'operazione sono stati discussi per telefono tra il ministro della Difesa russo, Serghei Shoigu, e quello italiano, Lorenzo Guerini.

Gb, oltre cinquemila contagi: il numero dei casi di contagio da coronavirus nel Regno Unito ha superato la soglia delle 5.000 unità a quota 5.067: lo riporta l'ultimo bollettino diffuso dalla Johns Hopkins University. I bilancio dei morti è salito a quota 233 ed i guariti sono 65.

Francia vota lo stato d'emergenza sanitario. Per rispondere allo tsunami economico e all'emergenza sanitaria causati dal coronavirus, il Parlamento francese si riunirà di nuovo oggi in numero ridotto dopo che nella notte i deputati dell'Assemblea nazionale hanno votato il progetto di legge d'emergenza per affrontare l'epidemia. Il testo stabilisce in particolare lo stato d'emergenza sanitaria che consente di limitare le libertà pubbliche per due mesi. Autorizza inoltre il governo a prendere una serie di misure a sostegno delle imprese e ad agire per rinviare il secondo turno delle elezioni comunali. Rimangono tuttavia disaccordi con il Senato, che i parlamentari delle due camere cercheranno di appianare stamattina prima di riesaminare il testo. Nella sua versione modificata dall'Assemblea, il disegno di legge prevede anche di inasprire le sanzioni per i francesi che non rispettino il confinamento: una multa di 135 euro in caso di violazione delle norme; 1.500 euro in caso di recidiva «in 15 giorni»; nel caso di «quattro violazioni entro 30 giorni» sarà un reato «punibile con una multa di 3.700 euro e un massimo di sei mesi di carcere».

Ultimo aggiornamento: 23 Marzo, 07:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA