Bimba di due anni dispersa nel Rio Grande al confine Messico-Usa. La madre: mi è sfuggita dalle mani

Giovedì 4 Luglio 2019
Bimba di due anni dispersa nel Rio Grande al confine Messico-Usa

Una bambina di due anni di nome Alia è dispersa nel Rio Grande, al confine tra Messico e Usa. C'è apprensione per quello che potrebbe rivelarsi come l'ennesimo capitolo della tragedia giornaliera dei migranti in fuga: la piccola, di nazionalità brasiliana, è scomparsa nelle acque del Rio Grande, lo stesso fiume in cui, dieci giorni fa, un immigrato salvadoregno e sua figlia sono annegati. La ricerca della piccola, che da lunedì non si trova ancora, è concentrata nell'area vicino alla città americana di Del Rio. La madre ha raccontato che la figlia gli è sfuggita dalle mani.

A dare l'allarme - informano i media brasiliani - sono stati agenti della pattuglia di frontiera americana, dopo l'arresto di una donna entrata illegalmente nel Paese. L'immigrata ha detto di provenire da Haiti e di aver perso la figlia brasiliana durante la traversata del Rio Grande. Il fiume è lo stesso in cui, dieci giorni fa, un immigrato salvadoregno e sua figlia erano annegati. L'immagine dei due abbracciati, senza vita, aveva sconvolto il mondo.
 


La bambina si chiamerebbe Alia: lo sostiene Agencia Estado. La madre, Marie Rose Joseph, una cittadina haitiana di 28 anni che stava cercando di entrare illegalmente negli Stati Uniti, ha detto alle autorità di frontiera che la piccola è nata in Brasile. La donna ha spiegato che stava portando la figlia in braccio, legata in uno scialle, ma che le è poi sfuggita di mano a causa della sua agitazione nell'attraversare il fiume di notte e al buio.

Il Dipartimento dei vigili del fuoco di Ciudad Acuna, in Messico, ha riferito che un gruppo di 12 migranti haitiani stava tentando di attraversare il Rio Grande quando la bambina è scomparsa. Poiché la corrente è molto forte, la piccola è stata trascinata via dalle acque. Le ricerche sono condotte dai pompieri di Ciudad Acuna, nello Stato messicano di Coahuila, in collaborazione con autorità statunitensi. I soccorritori cercano di localizzare la bambina con barche, team di subacquei e veicoli sommergibili remoti, oltre che col supporto di un elicottero. Secondo i genitori di Alia, i tre erano insieme ad altri dieci adulti che attraversavano il Rio Grande all'altezza del Parque Braulio Fernandez Aguirre, a pochi metri dal ponte internazionale e dall'ostello dove sono ospitati decine di migranti provenienti da vari Paesi, come ha confermato anche il direttore della Protezione civile di Acuna, Javier Felix Ros. Il ministero degli Esteri brasiliano sta accompagnando il caso attraverso il consolato generale del Brasile a Houston, in Texas. In rispetto alla privacy delle persone coinvolte, il dicastero ha dichiarato che non può fornire ulteriori informazioni al riguardo.

Ultimo aggiornamento: 17:53 © RIPRODUZIONE RISERVATA