Capodanno, noi che siamo cresciuti davanti alla tv guardando con il concerto di Vienna

Mercoledì 23 Dicembre 2020 di Alessandra Spinelli

C’era sempre lui nella televisione in bianco e nero della nostra infanzia: inondava la casa del primo dell’anno, ancora imbambolata dai botti di San Silvestro, con le polke, i galop e i valzer della famiglia Strauss, viatico gioioso verso il futuro. Eterno Boskovsky, per 25 anni sul podio della meravigliosa Musikverein di Vienna, velluti rossi e stucchi dorati. I Wiener Philarmoniker lanciavano messaggi e auguri al mondo, e noi lì a crescere tra i volteggi di coppie fruscianti a Schönbrunn (finalmente a colori!), l’esibizione dei cavalli lipizzani e il battimani sulla Marcia di Radetzky, divertiti e mai neanche lontanamente sfiorati dal fatto che sia una marcia di conquista contro gli italiani risorgimentali. Niente politically correct: ci abbagliava lo sfarzo e l’allegria dei direttori d’orchestra che indossavano cappellini, fischietti, inscenando gag con pubblico e orchestrali, come l’austriaco Welser-Möst che per il secondo bis impugnò un mestolo e si mise un cappello da chef. A Vienna il gotha dei direttori d’orchestra: Abbado, Kleiber, Maazel, Pretre, Muti.

E il grande Karajan, un evento nel 1987, a casa un religioso silenzio, il maestro dolorante alla schiena ma perfetto e accessibile a tutti. Vent’anni dopo, l’impensabile: biglietti un anno prima a una cifra esorbitante per conquistare il puro incanto, seduti sulla balconata laterale ma con Pretre e l’orchestra a un passo. All’improvviso persino i ballerini che sbucavano in platea sulle note di Sul bel Danubio blu. Ora la magia si ripete: Muti sul podio - ha già detto niente gag - e noi di nuovo davanti allo schermo. Perché nonostante la Rai abbia cancellato la diretta da Vienna a favore della Fenice, nulla è come il tradizionale concerto di Capodanno dei Wiener. Nulla ci consola come quella nostalgia e quella promessa di un futuro migliore. Che magari porti anche una donna a muovere la bacchetta sul podio che fu di Boskovsky. Sarebbe ora, la prima dopo 81 anni di storia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultimo aggiornamento: 2 Gennaio, 11:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA