Vezzali, Iapichino e le altre: evoluzione sport, tra quote rosa e professionismo

Mercoledì 24 Marzo 2021 di Alessandra Spinelli

Un salto in alto, ma anche in lungo e persino triplo. Una stoccata vincente al limite della pedana, una bracciata d’oro al millesimo di secondo, uno stacco e slancio di quasi 200 chili. Qualcosa di clamoroso sta accadendo nello sport italiano: mai come ora le donne sono protagoniste. E non solo nell’attività, ché basterebbero i nomi di Goggia e Pellegrini, ma soprattutto nel governo delle discipline olimpiche. Al Coni, la riforma voluta dal...

Il testo completo di questo contenuto a pagamento è disponibile agli utenti abbonati
Ultimo aggiornamento: 30 Marzo, 12:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA