La Travel Blogger Fraintesa: «Ho sconfitto il tumore, ora parte il mio grande sogno».

Francesca Barbieri ha 36 anni. Francesca Barbieri è una Travel Blogger che nel 2009 apre il blog fraintesa.it. Quello che in un primo momento sembrava un diario creato per passare il tempo e raccontare curiosità sui suoi viaggi diventa un lavoro. Francesca Barbieri, meglio conosciuta come Fraintesa, è imprenditrice di se stessa, in media resta ferma in casa dieci giorni al mese e ha smesso di contare i Paesi visitati dopo aver raggiunto il cinquantesimo. L’8 ottobre 2018 le viene diagnosticato un tumore. Un anno dopo, per dare un senso diverso a questa data, partirà per un viaggio intorno al mondo in solitaria «per dimostrare che la vita è bella e che si può sempre trovare un punto di vista migliore». 

Quando ha scoperto di avere un tumore al seno?
«Stavo facendo la doccia quando sento una strana pallina sotto pelle. Ai primi due controlli mi dicono sia una cisti. Da 3 millimetri però diventa di 2 centimetri. Decido di toglierlo per una questione puramente estetica e dalla biopsia di routine scoprono che è un tumore maligno e di tipo aggressivo. Devo sottopormi ad un secondo intervento. Ora dopo 4 interventi e dopo 6 mesi di chemioterapia (la più pesante di tutte, in 16 flebo), posso dire che il peggio è passato».

Lavora con la sua immagine. La chemio l'ha cambiata?
«Tutto quello che dicono è vero: è stato bruttissimo e difficile da superare. Per uscire usavo quintali di trucco tipo Moira Orfei e dopo che mi sono cadute anche le ciglia nelle foto le aggiungevo con un'app. È stato difficilissimo da superare anche dal punto di vista psicologico».

In che senso?
«All'inizio della chemio la mia vita non aveva più senso. Ero caduta in depressione, buttata sul divano o a letto, senza forze. Piangevo spesso. Io, una travel blogger non riuscivo nemmeno a vestirmi... E poi un giorno mi sono aggrappata a un'idea: partire in solitaria intorno al mondo. Avevo un sogno, un obiettivo da raggiungere». 

Ha già stabilito il tragitto?
«Il giro del mondo partirà da Milano e sarà diretto verso est. Durerà 3 mesi, perché dopo quel periodo dovrò tornare in Italia per rifare tutti i controlli e verificare che il tumore non sia tornato. In ogni tappa rilascerò interviste per raccontare la mia storia e promuovere la prevenzione».

Perché creare un crowfunding?
«Il ricavato di questa raccolta fondi servirà al 50% per finanziare il mio viaggio intorno al mondo, mentre il restante 50% verrà donato alla Fondazione AIRC per la Ricerca sul Cancro. Per chi volesse aiutarmi a realizzare questo sogno, si può contribuire cliccando su www.gofundme.com/fraintesa».

Qual è il budget?
«Ho considerato 30 mila euro: 15 mila per me e 15 all'AIRC». 

Dopo questa drammatica esperienza, cosa si augura?
«Di trovare qualcuno che ascolti la mia storia e ne tragga stimolo per reagire».

Ha un consiglio?
«Due: la prevenzione e aggrapparsi con tutte le forze a un sogno da realizzare. L'ho ripetuto anche a mio padre».

Perché?
«Quando gli ho detto che volevo fare il viaggio del mondo in solitaria mi ha risposto: "Ma non hai paura?". Ma papà ho sconfitto il cancro!».
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sabato 18 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento: 19:36
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti