Omar Pedrini: «Musica, aneddoti e poesie, benvenuti al mio teatro-canzone»

Omar Pedrini: «Musica, aneddoti e poesie, benvenuti al mio teatro-canzone»
di Francesca Binfarè
3 Minuti di Lettura
Lunedì 20 Giugno 2022, 06:00

Omar Pedrini, cantautore e narratore, già fondatore e leader della rock band dei Timoria, torna al pubblico con il nuovo tour, appena iniziato. Mercoledì 22 giugno farà tappa al Parco Tittoni di Desio (via Lampugnani 62; ore 21; biglietti da 16,50 euro). Sarà una serata di teatro canzone, che metterà in mostra il lato più intimo di Pedrini.

Pedrini, com’è questo tour?

«Avrò uno dei miei pitstop, come chiamo ricoveri e operazioni. Avrò tre mesi di convalescenza, per cui ho deciso di farmi operare a settembre e intanto di andare in tour. Ho famiglia, dopo due anni di Covid ho bisogno di lavorare come tutte le persone del settore musica. Più invecchio e più mi piace portare sul palco un concerto di teatro canzone: c’è tanta musica, però recito anche qualche poesia dei miei autori preferiti - Pasolini, Neruda - racconto aneddoti, improvviso, a volte leggo pagine dei miei libri».

Il sottotitolo del tour è Dai Timoria a oggi.

«Perché sarà un concerto antologico, le canzoni della band le scrivevo io. La scaletta pesca dai brani più importanti dei Timoria, con qualche pezzo minore, e dalle canzoni dei miei sei album. Farò anche delle cover, mi muovo con grande libertà con questa formazione in trio elettroacustico: ogni concerto è diverso dagli altri».

Questo per lei è un ritorno al Parco Tittoni?

«Sì, prima del Covid stava diventando un appuntamento fisso. Però questa è la prima volta che faccio un live in trio elettroacustico. Sul palco ci sono il mio fido “ragazzo di bottega” che è cresciuto con me, il chitarrista Simone Zoni, e Davide Apollo, che è il cantante dei Precious Time, official tribute band dei Timoria».

Leggerà alcune pagine anche del suo nuovo libro “La Locanda dello zio rock”?

«Come dicevo, improvviso. Si sa, sono appassionato di enogastronomia. Quando arrivo in un posto c’è qualcuno che mi fa assaggiare un vino o un piatto. Questo, che è il mio quarto libro, parla dei sapori del territorio. Non è una guida, non ci sono voti; propone la versione integrale degli articoli pubblicati sulla rivista della Coop, ed è edito dalla mia casa editrice Senza Vento Edizioni insieme a Coop Lombardia».

Domani Omar Pedrini presenterà il libro durante un incontro a ingresso libero, alle 18,30 nel reparto libri dell’Ipercoop piazza Lodi, viale Umbria 48B a Milano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA