Gabriele Cirilli: «Io con Proietti grazie a una bocciatura a scuola». Stasera lo show all'Arena Est

Gabriele Cirilli: «Io con Proietti grazie a una bocciatura a scuola». Stasera lo show all'Arena Est
di Ferruccio Gattuso
2 Minuti di Lettura
Martedì 5 Luglio 2022, 06:00 - Ultimo aggiornamento: 08:08

Prendi un abruzzese, fallo crescere romano, mettigli un po’ di Milano nel cuore e avrai Gabriele Cirilli, comico di granitica gavetta, scuola Gigi Proietti, una vita in tv e sul palcoscenico. Ma la gavetta, questa in verità non finisce mai. Soprattutto quando ci si mette di mezzo la tecnologia, che ti spinge a sopravvivere nella dimensione “Duepuntozero”. E così si intitola l’ultimo show con cui Cirilli si presenta questa sera all’Arena Milano est.

Due punto zero, la Rete: difficile non restarne impigliati?

«Più che altro serve capire come essere aggiornati, globali, connessi e veloci. In qualche caso è tutto stress, in altri si rimediano figuracce. Perlomeno per noi che non siamo nativi digitali».

Ma se ne può ridere, giusto?

«Eccome! Tanto che ho scelto di usare questo come filo rosso dello spettacolo con cui festeggio vent’anni da one man show per i teatri».

Cosa succede in Duepuntozero?

«Parto dalla tecnologia ma la connetto a tante storie, personali e generali: il rapporto tra Nord e Sud, con le insidie da call center, la vita da social alienante».

Il palco dopo due anni difficili: come si sta?

«Un gran bene. È stata dura, perché all’inizio ti buttavi sui social, ma l’adrenalina non è la stessa di quando ti trovi la gente di fronte».

Da dove le viene la voglia di fare, anzi di essere, un comico?

«Da mia madre, donna di carattere e di umorismo. Mi ha sempre stimolato. Poi ci sarebbe mia moglie. Sono le due donne che mi hanno fatto da personal trainer psicologico».

E poi c’è Gigi Proietti.

«Credo nel destino. Fui bocciato a scuola, un dramma. Ma proprio quell’anno c’erano le iscrizioni biennali alla scuola di Proietti. Da lì in poi passo dopo passo ho cercato di cogliere ogni occasione, tra cui fondamentale Zelig qui a Milano».

Dove, come, quando. “Duepuntozero” di e con Gabriele Cirilli - Arena Milano est, via Pitteri 58, stasera ore 21,30, biglietti 20 euro

© RIPRODUZIONE RISERVATA