Vaiolo delle scimmie, primo caso a Lecce: è un 45enne

L'uomo si trova in isolamento nella propria abitazione

Vaiolo delle scimmie, primo caso a Lecce: è un 45enne
di Andrea TAFURO
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 7 Settembre 2022, 20:56 - Ultimo aggiornamento: 8 Settembre, 14:56

Primo caso di vaiolo delle scimmie a Lecce. Si tratta di un 45enne leccese, presentatosi ieri pomeriggio dal proprio medico di base con sintomi influenzali e alcune macchie cutanee sul corpo. L’uomo, un regista cinematografico, abituato per lavoro a frequenti spostamenti in giro per l’Italia, di recente avrebbe soggiornato in una città del Nord e al rientro avrebbe anche svolto alcuni lavori artistici con dei colleghi. Ed è con molta probabilità, che in una di queste due circostanze si sia contagiato. A metterlo in allerta, la febbre che persisteva da alcuni giorni e delle macchie cutanee comparse sul corpo.

La conferma dopo gli esami

Recatosi dunque dal proprio medico curante, la visita ha richiesto delle analisi particolari, (tampone del liquido contenuto in una vescicola), inviate poi all’istituto di zooprofilassi di Bari. Dai risultati arrivati questa mattina la conferma del contagio al Monkeypox (il vaiolo delle scimmie). Il paziente, che non necessita di cure ospedaliere, si trova ora in isolamento presso la propria abitazione alle porte di Lecce. Del caso è stato informato anche il Dipartimento di Prevenzione e Servizio Igiene dell’Asl Lecce, che ne sta monitorando l’evoluzione clinica. Al momento non risulterebbero ulteriori contagi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA