Volpe investita e abbandonata sofferente in strada: salvata da alcuni passanti e dai medici del Cras

Volpe investita e abbandonata sofferente in strada: salvata da alcuni passanti e dai medici del Cras
3 Minuti di Lettura
Sabato 20 Agosto 2022, 09:01 - Ultimo aggiornamento: 15:31

Brutta avventura per una piccola volpe che è stata investita e abbandonata sofferente in strada: sarebbe certamente morta se alcuni passanti, mossi a compassione, non avessero chiamato i soccorsi. Adesso la volpe, curata e rimessa in sesto, sta molto e meglio e si riprenderà completamente.

Investita e lasciata in strada

Non è la prima volta che accade, purtroppo, un'altra volpe è stata investita e abbandonata alla sua sorte nel mezzo della carreggiata a Ugento in provincia di Lecce. Il povero animale era ancora vigile dopo essere stato investito da un'auto, ma a causa delle ferite riportate non riusciva a muoversi per mettersi in salvo. Fortunatamente alcuni passanti non sono rimasti indifferenti al suo dolore, si sono fermati con l'auto e hanno chiamato i soccorsi.

Dopo aver portato la volpe in salvo, è stato contattato il Cras del centro di recupero di Calimera, che ha dato disponibilità ad intervenire in soccorso della volpe che però nel frattempo ha iniziato ad avere delle convulsioni.

Sos al centro di Calimera

A quel punto era necessario intervenire subito perché la piccola paziente sarebbe potuta morire durante il tragitto da Ugento a Calimera. Il Cras ha così chiesto supporto alla clinica veterinaria del Salento a Taviano: lì le dottoresse di turno, Alessandra Ramirez e Giulia Selmi, Giulia Folly Capelluti e le tecniche veterinarie Valeria Lobuono e Arianna Vetrugno, sono intervenute immediatamente per cercare di salvarle la vita.

 

La volpe, una volta stabilizzata, è stata trasportata al Centro recupero di Calimera dove è ancora ricoverata, ma ormai fuori pericolo, in attesa di tornare libera.

« Le persone che l'hanno soccorsa non hanno mai smesso di interessarsi a lei e venire a trovarla. Il loro gesto è stato ammirevole. Turisti e gente del posto che hanno "sacrificato" il loro tempo per salvare una vita - spiegano dal Cras di Calimera -. Grazie a loro, grazie al meraviglioso team della clinica del Salento, alla La combriccola di Sofia! che ha effettuato il trasporto e al nostro veterinario, Gianluca Nocco, Pizzico, così è stato chiamato dai suoi soccorritori, sano e salvo tornerà presto a scorrazzare per le campagne salentine».

© RIPRODUZIONE RISERVATA