Ubriaco, provocò un incidente in cui morì un centauro di 48 anni: patteggia 3 anni e 4 mesi

Ubriaco, provocò un incidente in cui morì un centauro di 48 anni: patteggia 3 anni e 4 mesi
di Luana PRONTERA
3 Minuti di Lettura
Venerdì 2 Dicembre 2022, 18:10

Ha patteggiato una pena di tre anni e quattro mesi di reclusione il conducente della Skoda Octavia che avrebbe provocato, in stato di ebbrezza, l’incidente stradale avvenuto nel maggio 2021 lungo la litoranea Torre Vado-San Gregorio, nel basso Salento. In quell’occasione un carrozziere 48enne di Corsano, Pasquale Rizzo, perse la vita sul colpo mentre percorreva la litoranea a bordo della sua Ducati Superbike.

Cosa successe

Il motociclista era a bordo del suo mezzo quando venne urtato dall’autovettura che usciva dal parcheggio in retromarcia. L’impatto fu talmente forte da far sbalzare il centauro undici metri più avanti rispetto al punto di impatto. L’uomo perse la vita sul colpo finendo contro un muretto a secco. L’intervento dei sanitari del 118 fu del tutto inutile. Le autorità preposte e i carabinieri della locale stazione, giunte sul posto per i rilievi di rito, sottoposero il 62enne ai test di routine oltre ad effettuare altre verifiche per ricostruire la dinamica dell’accaduto.

L’automobilista risultò essere in stato di ebbrezza, con un tasso alcolemico pari a 1,3 g/l, circostanza risultata aggravante. Durante l’udienza preliminare, dinanzi al giudice Sergio Mario Tosi, il conducente della vettura G.G., 62enne di San Cesario di Lecce, difeso dall’avvocato Federico Martella, ha chiesto e ottenuto il patteggiamento. Si erano costituite parti civili la moglie del carrozziere deceduto nell’incidente e la società che gestisce la carrozzeria, dove la vittima lavorava, assistite rispettivamente dagli avvocati Raffaele Colluto e Corrado Sammarruco. La vicenda scosse l’intero Capo di Leuca perché Pasquale era molto conosciuto in paese, e infatti la “camera ardente” venne allestita presso l’officina della Zona Pip di Corsano. Ancora oggi gli amici ricordano Pasquale Rizzo come “un uomo speciale dall’animo buono disponibile con tutti”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA