Salento, tuffo dalla scogliera di 12 metri: paura per un 15enne

Sabato 31 Luglio 2021

Un tuffo da almeno una dozzina di metri che poteva costargli la vita. Una performance consumata sotto gli occhi degli amici che insieme a lui stavano trascorrendo una giornata al mare a Torre Sant'Andrea, marina di Melendugno. In uno dei tratti di costa più suggestivi del Salento ma anche interdetti alla balenazione per rischio crollo delle falesie.

La paura in mare

Nel pomeriggio di ieri un 15enne, forse per la voglia di mettersi in mostra o semplicemente spinto dalla convinzione di essere invincibile, si è tuffato nelle acque dell'adriatico da un'altezza di almeno 12 metri. Scegliendo uno dei faraglioni della zona, il ragazzo sotto gli occhi e l'incitazione deigli amici ha guardato giù e sfidato il mare.

Video

Purtroppo però il tuffo ha rischiato di trasformarsi in tragedia: forse la paura o le misure prese male, invece di scendere giù dritto, nel classico tuffo a "candela" finendo in acqua con i piedi, è caduto in acqua da "seduto" rischiando di farsi male alla schiena.

L'impatto è stato violento. Le urla hanno immediatamente allertato i presenti che hanno chiamato il 118 per intervenire immediatamente. La zona di falesia di Torre Sant'Andrea ha creato non pochi problemi ai medici del 118 per raggiungere il posto, tanto che è stata allertata la guardia costiera. Il 15 enne è stato dapprima immobilizzato e poi trasportato al Porto di San Foca sove ad attenderlo c'era l'ambulanza che lo ha trasportato d'urgenza al Vito Fazzi di Lecce dove è attualmente ricoverato. Le sue condizioni, fortunatamente non sono gravi. 

Ultimo aggiornamento: 22:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA