Da Napoli al Salento, donazioni-truffa con false onlus: scatta il blitz

Da Napoli al Salento, donazioni-truffa con false onlus: scatta il blitz
di Valeria BLANCO
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Marzo 2021, 10:29

L'associazione no profit era fittizia. Veri, invece, erano i soldi - si parla di sei milioni di euro - che era riuscita ad accaparrarsi convincendo migliaia di persone a investire. E c'è anche un salentino tra le cinque persone indagate, a vario titolo, per associazione a delinquere finalizzata all'abusivismo finanziario, trasferimento fraudolento di valori e riciclaggio.

L'INCHIESTA 

Le indagini, condotte dai militari del Primo gruppo del Nucleo speciale di polizia valutaria della Guardia di Finanza di Napoli, sono partite dalla segnalazione di alcune banche che avevano notato movimenti sospetti su alcuni conti. Si è così scoperta l'esistenza di un sodalizio criminale che, attraverso la costituzione di un'associazione no profit poi risultata fittizia, proponeva investimenti finanziari altamente remunerativi nel settore delle criptovalute e dell'oro. Ma lo faceva in assenza di qualunque titolo autorizzativo.
Il sistema, creato a Napoli ma operativo su tutto il territorio nazionale, poteva contare su una fitta rete di procacciatori che promuovevano gli investimenti tramite i social e i messaggi whatsapp. Stando alle indagini, sarebbero circa 2.200 su tutto il territorio nazionale - e quindi anche nel Salento - i risparmiatori convinti a investire in oro e criptovalute.


L'operazione - non a caso battezzata “Il gatto e la volpe” - ha permesso di accertare che l'associazione fasulla era riuscita a raccogliere più di sei milioni di euro, che arrivavano sui conti correnti italiani ed esteri sotto forma di apparenti donazioni. E tra i procacciatori di sempre nuovi donatori c'era appunto il salentino, un uomo di 37 anni del Nord Salento, colpito nelle scorse ore dalla misura cautelare dell'obbligo di dimora.

IL SISTEMA E I SOCIAL NETWORK

Il sistema per coinvolgere il maggior numero di investitori, infatti, era quello del passaparola, fatto anche attraverso i social network o i messaggi sul cellulare. I reclutatori adoperavano l'accortezza di coinvolgere soltanto gente conosciuta e avvertendo i potenziali investitori che, una volta investito, il denaro non sarebbe stato restituito in tempi brevi. Lo testimoniano alcuni messaggi inviati dai procacciatori e citati nell'ordinanza eseguita nei giorni scorsi dai finanzieri: «Il prossimo che insinua che non abbiamo soldi per pagare perché è talmente viziato da pretendere il pagamento immediato, ne subirà le conseguenze», scriveva in una chat uno dei procacciatori. In altri casi, invece, per sollecitare le donazioni, si faceva leva sul sentimento di pietà per presunte difficoltà economiche di alcuni membri dell'associazione, definendola come una grande famiglia. «Oggi - si legge in un altro messaggio inviato dal cellulare di un procacciatore - siamo venuti a conoscenza che un nostro membro è in serie difficoltà e rischia di perdere la casa ... abbiamo appreso che una famiglia nell'alluvione ha perso tutto e si trova senza neppure indumenti con due bambini! Ora, siamo una grande famiglia».

I PROFITTI

Dalla ricostruzione dei flussi finanziari è emerso che il capo dell'associazione ha tratto profitti illeciti per circa 679mila euro, cercando poi di evitare il sequestro dei propri beni attraverso un finto contratto preliminare di compravendita di un terreno per giustificare la perdita della caparra di 275mila euro, attribuita fittiziamente all'originario proprietario.
Nel complesso, nell'operazione, ai cinque indagati sono stati sequestrati beni per quasi un milione di euro. L'operazione ha riguardato Liguria, Campania e Puglia ed è stata effettuata con il supporto dei Reparti delle sedi di Bari, Lecce e Savona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA