Troppe bocciature, genitori in rivolta. E a scuola arrivano i carabinieri

Troppe bocciature, genitori in rivolta. E a scuola arrivano i carabinieri
Sette alunni non ammessi all'esame di terza media. E i genitori, davanti agli impietosi quadri, danno in escandescenze costringendo la preside a chiamare i carabinieri. E' accaduto giovedì in un piccolo comune del Sud Salento, Supersano, poco più di 4.000 anime il cui nome, la storia racconta, deriverebbe proprio dal latino “super sanum” (più che sano) e indicherebbe la salubrità del clima e dell'aria dei terreni un tempo incontaminati sui quali si estendeva il vastissimo Bosco Belvedere.

Non è bastata la purezza dell'aria della zona, però, a evitare che pochi giorni fa alcune famiglie di ragazzi di 12, 13 anni - giunti alla fine del percorso delle Medie - inveissero contro la dirigente scolastica della scuola di via Minniti, “rea” di non aver ammesso i loro figli all'esame di terza media. Tale e tanta è montata la rabbia, che la donna ha ritenuto opportuno chiamare i carabinieri. 

Sul posto, quindi, è arrivata una pattuglia dalla vicina stazione di Ruffano. La rissa, alla fine, non c'è stata, ma la presenza dei militari ha contribuito a riportare la calma nel plesso scolastico, trasformatosi per qualche ora in un'arena. «Sa - ha riflettuto poi proprio uno dei carabinieri più anziani - anche io sono padre e mi domando se questi genitori non abbiano avuto avvisaglie dello scarso rendimento della loro prole, per ritenere di potersi lasciare andare a questo tipo di reazioni. Si può protestare, commentare e confrontarsi, ma sempre nel segno della civiltà e del rispetto». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Venerdì 14 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento: 16:14